SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dalle Marche e dalle altre regioni. Gruppi numerosi, altri che ci provano da soli, squadre, amici. Sono arrivati da tutta Italia per restare svegli e pedalare: più di 100 persone hanno illuminato la notte da piazza del Popolo a Fermo fino a San Benedetto del Tronto.

La 1a edizione della Bike Night Marche, la pedalata notturna di più di 100km, ha tenuto sveglie oltre 100 persone in bici, che hanno sfidato le condizioni meteo certamente non ideali, con pioggia per buona parte del tracciato. La sesta e ultima tappa del tour 2018 delle Bike Night ha portato per la prima volta anche nelle Marche la passione per la bici, con il suo carico di storie nella notte tra sabato 15 e domenica 16 settembre.

Dalle 20 è iniziata l’attesa in piazza del Popolo, già gremita per la concomitante ‘Grano & Luppolo’. Ora dopo ora sono arrivati i partecipanti presentandosi alla segreteria Witoor, organizzatrice delle Bike Night, per il ritiro del pacco iscrizione, con la loro carica elettrizzante: era la prima edizione nelle Marche di uno degli eventi ciclistici più innovativi e genuini, capace di stimolare ciclisti di tutta la regione.

Dalle 23.30 è iniziato l’incolonnamento dei ciclisti per la partenza. Poi il conto alla rovescia fino a mezzanotte, quando gli oltre 100 partecipanti, di tutti i tipi, sono partiti in direzione Porto San Giorgio, scortati dalle forze dell’ordine locali. Dopo la discesa, il tratto lungo l’Adriatico, attraversando Pedaso, la Statale Adriatica fino a Cupra Marittima, dopo 28km. Poi un tratto ciclopedonale fino a Grottammare, quando il gruppo ha imboccato la Valtesino, per salire verso Offida. Da lì, altra discesa verso la Salaria e Ascoli Piceno. Infine, la ciclabile del Tronto, il parco della Sentina fino all’arrivo sul lungomare di San Benedetto del Tronto, in viale Buozzi, dove ad attendere i ciclisti c’erano colazione e docce. Un percorso tra strade e ciclabili, tra città e mare, per far sentire tutte le bellezze del territorio. Il gruppo è sempre stato scortato dall’assistenza meccanica e medica.

Tante storie che si sono mescolate durante la notte, in un filo luminoso che si è via via sgranato strada facendo. Ogni ristoro, sempre offerto da Copagri, il momento per rifare pieno di energie e scorte di cibo: a Cupra Marittima, dopo 28km, in piazza del Popolo a Offida, dopo 53km, e ad Ascoli Piceno, al 78° km, in largo Crivelli. Il fascino del pedalare al buio, il sentirsi parte di un evento unico nel suo genere ha dato l’energia a tutti i partecipanti per superare le tante ore in sella e i 117km effettivi. Alta la percentuale di iscritti da fuori regione, così come consistente, come sempre alle Bike Night, anche la partecipazione femminile, con il 25% delle presenze.

Con l’arrivare dell’alba tutti i ciclisti partenti hanno ritrovato le energie necessarie per completare la prima Bike Night nelle Marche, con un tracciato vario, selettivo ma sempre stimolante. I primi arrivi dalle ore 6, gli ultimi intorno alle 9. La gioia di aver costruito un ricordo memorabile, la scoperta di nuovi limiti personali, la sorpresa di vivere territori in modo nuovo: tante sensazioni che si sono mescolate e creano il mix unico tipico delle Bike Night.

“È anche grazie alla Bike Night che si promuove il territorio, in modo partecipativo e innovativo – spiega Simone Dovigo, presidente Witoor – offrendo un viaggio da ricordare e raccontare agli altri, ed è proprio l’intreccio di storie, emozioni e tipologie diverse di partecipanti l’impatto più significativo della Bike Night Witoor”.

“Un’opportunità incredibile per lo sviluppo del cicloturismo nelle Marche – commenta Mauro Fumagalli di Marchebikelife, che ha collaborato all’organizzazione della tappa –  perché un’esperienza così penetrante, per l’orario inconsueto e la varietà dei contesti, è uno strumento di promozione efficace”. Il tour 2018 delle Bike Night si è chiuso nelle Marche: iniziato lo scorso giugno, prevedeva in totale sei tappe. Dopo Ferrara, Bolzano, Milano, Udine e Verona, il gran finale da Fermo a San Benedetto del Tronto, passando per Ascoli, per una prima volta che sicuramente avrà un seguito nel 2019.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 230 volte, 1 oggi)