Al Centro Commerciale per dare uno sguardo al nostro futuro quotidiano, che è meno fantascientifico e lontano di quanto si possa pensare: il Centro Commerciale Città delle Stelle, dal 14 al 16 settembre, ospita “We Robot” ed i suoi percorsi futuristici incentrati sull’innovazione tecnologica, aperti a tutti coloro i quali, adulti e bambini, vogliono scoprire cosa accadrà nei prossimi anni e come la tecnologia influenzerà positivamente la nostra vita quotidiana.

L’evento rientra nell’ambito di un progetto di IGD, Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A. denominato “Experience da vivere” e che ha quale obiettivo quello di trasformare le iniziative che si svolgono a Città delle Stelle in vere esperienze per i partecipanti.

Così, dopo gli eventi nostalgici ed emozionanti del ritorno al passato con i giochi Anni Ottanta e Novanta e le sfide dinamiche degli ultimi videogames di Gamer Village, Città delle Stelle propone una prospettiva unica, quella che ci farà capire come cambierà la nostra vita grazie ai robot.

Il futuro è adesso.

La scelta di Città delle Stelle precorre i tempi ma non di molto, perché negli ultimi anni a crescere di più, nell’ambito della robotica, è stata proprio la cosiddetta “robotica di servizio”: dunque, non solo applicazioni nel campo della medicina, della logistica o delle città, ma nelle nostre case per aiutarci, farci divertire, migliorare la qualità della nostra vita.

La Federazione Internazionale di Robotica (IFR) ha previsto che entro la fine di quest’anno saranno venduti 150.000 esemplari di robot intelligenti capaci di convivere con noi e sostenerci in casa e al lavoro in numerose attività, con un fatturato di circa 20 miliardi di dollari. Entro la fine del decennio, secondo la IFR, entreranno nelle nostre case più di 42 milioni di robot.

Appuntamento con il futuro.

Dunque, gli appuntamenti di “We Robot” a Città delle Stelle sono imperdibili, anche perché attuali. Venerdì e sabato dalle 15.30 alle 19.30 e domenica, dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 sono in calendario RoboShow e RoboEducational, attività interattive per giocare con i robot.

Di scena, due tipologie di “robot smart” molto differenti tra loro. Lo show danzante vedrà quali protagonisti i robot umanoidi Alpha 1, veri anelli di congiunzione tra i robot giocattolo e gli umanoidi: programmabili, possono danzare ma anche cantare, raccontare storie, persino praticare sport.

I modelli Ozopot, invece, saranno utilizzati a Città delle Stelle per spiegare ai più piccoli le basi della robotica, giocando: sarà possibile perché Ozopot è un robot di dimensioni estremamente ridotte, appena due centimetri e mezzo, che si muove e reagisce ai colori sulle superfici fisiche. In pratica, i bambini disegnando dei percorsi su un foglio e usando svariati colori, li faranno muovere a loro piacimento: il mini robot Ozopot, infatti, sa riconoscere oltre mille istruzioni differenti.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 169 volte, 1 oggi)