CUPRA MARITTIMA – L’incontro si svolge domenica 19 agosto, alle 18.30, al Museo del territorio, sito al paese Alto di Cupra. Vengono lette e interpretate da Walter Ferri e da Benedetta Cappella,  alcune fiabe tratte dal frastagliatissimo repertorio  di Antonio De Signoribus. Al suggestivo pomeriggio culturale, organizzato dall’Archeoclub di Cupra Marittima, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale e della Società operaia di Mutuo Soccorso,  è presente anche l’autore (ingresso gratuito).

Antonio De Signoribus è filosofo, scrittore, nonché studioso di cultura orale cuprense. I suoi studi, rivisitati in chiave filosofica, psicoanalitica e antropologica, non sono passati davvero inosservati anzi, sono armai riconosciuti e apprezzati a livello nazionale. Ha scritto quattro libri: “La meraviglia del borgo”con introduzione di Franco Cardini (Università di Firenze); “Fiabe e leggende delle Marche” con introduzione di Sanzio Balducci ( Università di Urbino); “Segreti e storie popolari delle Marche”con introduzione di Marcello Verdenelli (Università di Macerata),
il Ceppo di Natale, tradizioni e leggende sul 25 dicembre e dintorni, con introduzione di Luigi Rossi.

I suoi libri, due dei quali pubblicati dalla prestigiosa Newton Compton, con successo, propongono all’attenzione del lettore un’ampia repertazione di fiabe e racconti che l’autore ha raccolto dalla voce di chi conserva ancora la memoria del magico, misterioso, e  anche difficile  mondo d’un tempo.Il lavoro che ne viene fuori è un lavoro capillare di scrittura e riscrittura dove il linguaggio usato, dopo anni di studi, è attento e curato alfine di ricreare l’oralità, un po’ come quei cantastorie d’un tempo la cui arte mirava all’attenzione e alla meraviglia. Insomma, è una occasione da non perdere per ascoltare le storie del nostro Grimm marchigiano.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.