GIULIANOVA – La Compagnia della Guardia di Finanza di Giulianova ha svolto interventi a tappeto nell’area costiero balneare.

Al fine di contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale, correlata agli affitti in nero, che aumentano esponenzialmente nel periodo estivo nei principali centri balneari della costa teramana.

I controlli fiscali hanno permesso di scoprire numerosi appartamenti, affittati in ‘nero’ senza attività di intermediazione immobiliare, per un totale di oltre 110 mila euro di redditi sottratti a tassazione.

Le indagini ed i controlli fiscali fatti a partire dal mese di giugno hanno fatto emergere quindi una rilevante evasione fiscale realizzata attraverso affitti non regolari, evidenziando casi eclatanti come quello di un soggetto italiano residente all’estero che ha locato in nero 4 immobili dal 2013 ad oggi a più persone omettendo di dichiarare al fisco oltre 75 mila euro di reddito.

Complessivamente, sono stati riscostruiti e fatti emergere, come detto, 110 mila euro di redditi derivanti da canoni di locazione, non dichiarati ed evasi al Fisco, nonché il mancato versamento dell’imposta di registro.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.377 volte, 1 oggi)