SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Questore di Ascoli Piceno, Luigi De Angelis, ha emesso provvedimenti con i quali ha sospeso per un periodo di cinque giorni la licenza per l’esercizio di un’attività commerciale sul territorio di Porto d’Ascoli

Punito un bar di via del Mare. Il provvedimento di sospensione è stato adottato dal Questore di Ascoli Piceno per vari episodi.

Un sera di metà giugno scorso personale di Polizia è intervenuto per una rissa in atto e la presenza di una persona ubriaca che stava molestando i presenti. Sul posto gli agenti del Commissariato di San Benedetto del Tronto hanno accertato che poco prima due persone, presenti all’interno del bar già dal primo pomeriggio, probabilmente a causa di un uso importante di sostanze alcoliche e vecchie acredini, erano venuti alle mani. Solo l’intervento della Polizia aveva interrotto la colluttazione in atto. Uno dei due litiganti, sul collo, presentava segni evidenti della colluttazione. Nella stessa occasione, fra i clienti identificati dagli operatori, ve ne erano alcuni gravati da precedenti penali e di polizia.

Dopo circa 20 giorni la Polizia in occasione di un controllo all’interno del bar ha accerato che la barista, incurante della presenza degli agenti, somministrava bevande alcoliche ad una persona in evidente stato di ubriachezza. Nello stesso contesto operativo i poliziotti, identificando gli avventori presenti, hanno accertato che alcuni di loro annoveravano precedenti penali e di Polizia per gravi reati.

Un ulteriore episodio di violenza all’interno del bar è stato accertato da parte dei Carabinieri di San Benedetto verso la metà del mese di aprile di quest’anno. Nell’occasione, nel corso di una colluttazione, una persona aveva riportato lesioni giudicate guaribili in 25 giorni.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.