SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il grido del sindacato di polizia (Siulp) per lo stato di dimensionamento dell’organico che opera a San Benedetto. Mancanza di turn-over, carenza di organico e mancanza di una pianificazione adeguata sul territorio rivierasco, specie in previsione della stagione estiva erano istanze già avanzate dal sindacato dopo i recenti fatti di cronaca che hanno coinvolto il centro della “movida”, fra risse e accoltellamenti.

Oggi la sigla sindacale torna a mordere e se la prende col Questore Luigi De Angelis che, a quanto pare, aveva promesso il raddoppio delle voltanti in centro per i mesi di luglio e agosto. A quanto pare, poi, la segreteria nazionale di Siulp ha inviato anche una nota ufficiale di contestazione verso il questore nei confronti del quale, l’addebito principale sarebbe quello di aver assegnato una serie di giovani agenti ad Ascoli anziché a San Benedetto dove, dicono da Siulp “si è dovuti ricorrere all’impiego di poliziotti over 50 togliendoli dall’ufficio”.

In chiusura la sigla manda un suggerimento a De Angelis, sulla scia di quello che accade a Teramo “dove sulla costa c’è un costante appoggio di volanti provenienti da Pescara”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.224 volte, 1 oggi)