MARTINSICURO – Nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione del crimine diffuso sul territorio, in particolare al fine di reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti sulla costa, gli agenti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile Ascolana, coadiuvati da personale parimenti specializzato della Questura di Teramo, nella serata dell’11 luglio, hanno arrestato un cittadino tunisino di 26 anni, residente a Martinsicuro per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’attività  è stata effettuata a seguito di un controllo sull’uomo che era già ai domiciliari, per un precedente arresto fatto dallo stesso personale il 25 gennaio scorso, cui è seguita una perquisizione domiciliare che ha consentito di rinvenire 25 dosi di eroina e, nascosto sotto il bracciolo di un divano nel salone, un ulteriore sacchetto con altri 11 grammi della stessa sostanza, oltre che di un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi.

Il Pm di turno ha disposto l’associazione presso le camere di sicurezza della Questura ascolana, in attesa di udienza di convalida che si è tenuta oggi pomeriggio, 12 luglio, ed al termine della quale per il giovane tunisino si sono aperte le porte del carcere di Castrogno nel Teramano.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 720 volte, 1 oggi)