SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Luca Fanesi torna a parlare. Lo fa attraverso il portale “Fanpage”, intervistato dal giornalista sambenedettese Davide Falcioni, che lo immortala in un video in cui il tifoso della Samb mostra una grande cicatrice sul lato sinistro della testa, frutto del post-partita di Vicenza quando, secondo alcuni testimoni, sarebbe stato manganellato al capo dalla polizia.

“Voglio sapere chi mi ha massacrato” dice Fanesi in un video lungo più o meno 4 minuti tradendo delusione per l’attuale situazione processuale che non ha portato, ancora, a nessun indagato ufficiale da parte della Procura. “Ricordo solo che ero in bus per tornare a casa, non ricordo niente di quello che è successo” dice dell’incidente Fanesi che sulla versione ufficiale (caduta accidentale) è chiaro: “No, in tanti mi hanno detto che è successo qualcosa di diverso”

L’intervista si sofferma poi sulle conseguenze patite dal tifoso della Samb. “Non sento più niente (gli odori), non parlo bene e devo fare logopedia, mi fanno male spesso le gambe” racconta Fanesi che spera per il futuro: “Vorrei tornare a lavorare”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.630 volte, 7 oggi)