SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Continua da parte dei carabinieri del comando provinciale di Ascoli Piceno l’azione di contrasto al crimine predatorio, in genere ed in particolar modo ai furti perpetrati nelle abitazioni.

In tale contesto, i carabinieri della compagnia di San Benedetto Del Tronto hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti degli autori di svariati furti in abitazione compiuti dal dicembre 2017 al marzo 2018. Le immediate indagini, coordinate dalla procura di Ascoli Piceno (P.M. D.ssa Mara Flaiani) hanno consentito al G.I.P. ( D.ssa Annalisa Giusti) di risalire ai quattro soggetti albanesi ( p.d. di anni 26, P.K. di anni 22, C.J. di anni 25, S.K. di anni 39) che a ridosso delle festività natalizie avevano perpetrato una strisica di furti sulla costa adriatica al confine tra Marche e Abruzzo. Fondamentale l’attività tecnica svolta dai militari dell’arma, che hanno trovato precisi indizi di colpevolezza dalla minuziosa attivita’ di repertamento sulla scena del crimine e da intercettazioni telefoniche, dove si palesava l’elevata capacità criminale dei soggetti, veri e propri funamboli nell’arrampicarsi all’interno delle abitazioni prese di mira.

Ancora una volta forte la risposta dell’arma contro i reati predatori, da sempre portatori di sentito allarme sociale e che piu’ toccano i nostri cittadini in materia di sicurezza e quieto vivere sociale, con il rinnovato spirito da parte dei carabinieri di contrastare diuturnamente il fenomeno in questione.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.