Finale in gara unica Play Off Inter-Girone Nazionali SERIE C di sabato 16 giugno 2018 allo Stadio Adriatico “Giovanni Cornacchia” di Pescara:
Robur Siena-Cosenza (Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Rai Sport) 1-3 (34’Bruccini, 47’Tutino, 72’Alessandro Marotta [R.S.] su rigore, 86’Baclet).
Il Cosenza guidato in panchina da Piero Braglia (che aveva rilevato alla 6a giornata della Regular Season l’esonerato Gaetano Fontana; riscatto personale dopo che la scorsa stagione ad un passo dal traguardo alla guida dell’Alessandria nel Girone A fu esonerato alla 36a giornata dopo il sorpasso in vetta della Cremonese ed un vantaggio che era arrivato fino a 10 punti dilapidato; è la 3a volta che vince i Play Off portando una sua squadra in Serie B; nella sua carriera da allenatore prima di questa impresa alla guida del Cosenza i successi più rilevanti erano stati: il Campionato di Serie C1 Girone B vinto nella stagione 2003/04 riportando il Catanzaro in B dopo 14 anni, i Play Off di Serie C1 Girone A vinti nella stagione 2006/07 riportando il Pisa in B dopo 13 anni, i Play Off di Serie C1 Girone B vinti nella stagione 2010/11 riportando la Juve Stabia in B dopo 58 anni e la Coppa Italia di Lega Pro vinta con la stessa Juve Stabia sempre nella stagione 2010/11) giunto 5° nel Girone C, succede al Parma (che aveva vinto i Play Off di Lega Pro 2017 battendo nella finale di Firenze per 2-0 l’Alessandria) vincendo i Play Off di Serie C 2018 e venendo promosso in Serie B (dove manca dalla stagione 2002/03, al termine della quale giunto 19° retrocedette in Serie C1).
Mentre il Siena (che manca dalla Serie B dalla stagione 2013/14, al termine della quale dopo essere giunto 9° causa fallimento societario dovette ripartire dalla Serie D) giunto 2° nel Girone A salvo eventuale ripescaggio (per ora improbabile, anche se ci sono 3 squadre in B in crisi societaria), resta in Serie C.

ALBO D’ORO Play Off (nati in Serie C nella stagione 1993/94) 3a Serie Nazionale (Serie C1 poi divenuta Prima Divisione, successivamente Lega Pro e poi Serie C):

1993/94: Girone A: Como; Girone B (dove c’era anche la Samb giunta 8a ma poi in estate fallita per problemi finanziari e ripartita dall’Eccellenza Marche) : Salernitana.
1994/95: Girone A: Pistoiese ; Girone B: Avellino .
1995/96: Girone A: Empoli; Girone B: Castel di Sangro .
1996/97: Girone A: Monza ; Girone B: Ancona.
1997/98: Girone A: Cremonese ; Girone B: Ternana.
1998/99: Girone A: Pistoiese ; Girone B: Savoia .
1999/00: Girone A: Cittadella ; Girone B: Ancona.
2000/01: Girone A: Como; Girone B: Messina.
2001/02: Girone A: Triestina; Girone B: Catania.
2002/03: Girone A: Albinoleffe; Girone B (dove c’era anche la Samb giunta 5a ed ha poi perso la semifinale Play Off col Pescara): Pescara.
2003/04: Girone A: Cesena; Girone B (dove c’era anche la Samb giunta 7a): Crotone.
2004/05: Girone A: Mantova; Girone B (dove c’era anche la Samb giunta 4a ed ha poi perso la semifinale Play Off col Napoli): Avellino.
2005/06: Girone A (dove c’era anche la Samb giunta 15a che si è poi salvata vincendo play out contro Lumezzane): Genoa; Girone B: Frosinone.
2006/07: Girone A: Pisa ; Girone B (dove c’era anche la Samb giunta 8a): Avellino.
2007/08: Girone A: Cittadella ; Girone B (dove c’era anche la Samb giunta 13a): Ancona.

Prima Divisione (ex Serie C1) Lega Pro
2008/09: Girone A (dove c’era anche la Samb giunta 16a e retrocessa in 2a Divisione Lega Pro, ma poi causa fallimento per problemi finanziari costretta a ripartire dall’Eccellenza Marche per la 2a volta nella sua storia) : Padova; Girone B : Crotone.
2009/10: Girone A: Varese ; Girone B: Pescara.
2010/11: Girone A: Verona ; Girone B: Juve Stabia.
2011/12: Girone A: Pro Vercelli; Girone B: Virtus Lanciano .
2012/13: Girone A: Carpi ; Girone B: Latina.
2013/14: Girone A: Pro Vercelli; Girone B: Frosinone.

Lega Pro: Play Off Inter-Girone
2014/15: Como (Girone A).
2015/16: Pisa (Girone B).
2016/17: Parma (Girone B, dove c’era anche la Samb giunta 7a e poi eliminata con 2 pareggi dal Lecce nella 2a Fase dei Play Off).

Serie C: Play Off Inter-Girone
2017/18: Cosenza (Girone C)

TABELLINO DI ROBUR SIENA-COSENZA 1-3 (1°T. 0-1)
ROBUR SIENA (4-3-1-2): Pasquale Pane, Brumati (52’Guerri), Sbraga (52’Dario D’Ambrosio), Panariello, Mahrous (90’Alberto Dossena), Cleur, Damian (90’Solini), Vassallo, Neglia, Alessandro Marotta ed Emmausso (68’Guberti). A disposizione: Alessio Rossi, Crisanto, Biancalani, Cristiani, Tommaso Alejandro Fontana e Niccolò Nassi. Allenatore: Michele Mignani.
COSENZA (3-5-2): Saracco, Idda, Dermaku, Camigliano, Angelo Corsi (90’Boniotti), Bruccini, Palmiero (90’Loviso), Mungo (71’Calamai), Tommaso D’Orazio, Tutino (84’Leonardo Perez) ed Okereke (71’Baclet). A disposizione: Zommers, Quintiero, Pasqualoni, Juan Manuel Ramos, Thomas Braglia e Trovato. Allenatore: Piero Braglia.
Arbitro: Luca Massimi di Termoli (Campobasso), coadiuvato dagli assistenti: Salvatore Affatato di Vco (provincia piemontese di Verbano-Cusio-Ossola) e Marcello Rossi di Novara. Quarto uomo: Simone Sozza di Seregno (Monza e Brianza).
Reti: 34’Bruccini (C), 47’Tutino (C), 72’Marotta (R.S.) su rigore, 86’Baclet (C).
Ammoniti: Baclet (C), Marotta (R.S.) e Marhous (R.S.)
Angoli: 3-1.
Recuperi: 2’+4′.
Note: -Gara giocata sul neutro, Stadio Adriatico Giovanni Cornacchia di Pescara.
Spettatori: 10’000 (di cui 8’000 circa, quelli provenienti da Cosenza) circa.
Curiosità: -Gli ultimi due precedenti ufficiali prima di questa finale in gara unica dei Play Off di Serie C, risalgono alla stagione 2002/03 in Serie B e terminarono 0-0 all’andata (9a giornata di domenica 26 ottobre 2002) ed 1-0 (26’Rodrigo Taddei) per il Siena al ritorno (28a giornata di domenica 30 marzo 2003).
Al termine di quella stagione (2002/03) il Siena allora guidato in panchina da Giuseppe Papadopulo giunse 1° in classifica (a pari punti [67] con la Sampdoria [anch’essa promossa in A] ma giudicato primo e quindi vincitore del Campionato in quanto meglio messo rispetto ai blu-cerchiati negli scontri diretti) venendo promosso per la prima volta nella sua storia in Serie A dove poi rimase per 7 stagioni consecutive.
Mentre il Cosenza sulla cui panchina si alternarono ben 5 cambi tecnici (Antonio Sala [1a giornata], poi Emiliano Mondonico [2a giornata], di nuovo Sala [dalla 3a alla 13a giornata], poi di nuovo Mondonico [dalla 14a alla 22a giornata], successivamente Walter Alessandro Salvioni [dalla 23a alla 29a giornata] ed infine di nuovo Sala [dalla 30a alla 38a giornata]) chiuse 19° retrocedendo in Serie C1.

Ecco le squadre (per ora 59) divise per regioni che in base ai risultati del campo dovrebbero comporre la Serie C (ex Lega Pro) 2018/19:
Abruzzo (una): Teramo.
Basilicata (2): Matera e POTENZA (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie D Girone H).
Calabria (4): Catanzaro, Reggina, Rende e VIBONESE (Neopromossa avendo vinto il Campionato di Serie D Girone I) .
Campania (3) : Casertana, Juve Stabia (?) e Paganese.
Emilia Romagna (5): Piacenza, Pro Piacenza (?), Ravenna, Reggiana (?) e RIMINI (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie D Girone D).
Friuli Venezia Giulia (2): Pordenone e Triestina
Lazio (2): RIETI (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie D Girone G) e Viterbese Castrense.
Liguria (2): ALBISSOLA 2010 (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie D Girone E) e VIRTUS ENTELLA (Retrocessa dalla Serie B dove è giunta 19a, pareggiando poi il doppio play out contro l’Ascoli)
Lombardia (6): Albinoleffe, AURORA PRO PATRIA (Neopromossa avendo vinto il Campionato di Serie D Girone B; ha poi vinto anche lo Scudetto Dilettanti 2018), Feralpisalò, Giana Erminio, Monza e Renate.
Marche (4): Alma Juventus Fano, Fermana, Samb e VIS PESARO (Neopromossa avendo vinto il Campionato di Serie D Girone F) .
Piemonte (5): Alessandria, Cuneo, GOZZANO (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie D Girone A), NOVARA (Retrocesso dalla Serie B dove è giunto 20°) e PRO VERCELLI (Retrocessa dalla Serie B dove è giunta 21a)
Puglia (4): Bisceglie, Fidelis Andria (?), Monopoli e Virtus Francavilla.
Sardegna (2): Arzachena ed Olbia.
Sicilia (4): Catania, Sicula Leonzio, Siracusa e Trapani (?).
Toscana (7): Arezzo, Carrarese, Lucchese, Pisa, Pistoiese, Pontedera e Robur Siena.
Trentino Alto Adige (una): Sudtirol Alto Adige.
Umbria (2): Gubbio e TERNANA (retrocessa dalla Serie B dove è giunta ultima , ossia 22a).
Veneto (3): Mestre (?), Vicenza (che si fonderà col Bassano Virtus [il quale dovrebbe ripartire col nome Bassano dalla 1a Categoria Veneto] formando il L.R. Vicenza Virtus) e VIRTUS VECOMP VERONA (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie D Girone C).

In MAIUSCOLO le squadre retrocesse (dalla Serie B) e le neopromosse (dalla Serie D).
(?)= Le squadre a rischio iscrizione.
A queste squadre sopra citate si potrebbero aggiungere alcune squadre ripescate ed alcune seconde squadre di Serie A ma forse quest’ultimo progetto potrebbe essere rimandato alla prossima stagione visto le difficoltà organizzative.

Riepilogo Finale d’andata Play Off SERIE B di mercoledì 13 giugno 2018:

Palermo (4°)-Frosinone (3°) 2-1 (4’Camillo Ciano [F], 45’La Gumina, 80’autorete di Terranova su angolo battuto da Coronado)

Finale di ritorno Play Off SERIE B di sabato 16 giugno 2018 sul campo della meglio classificata nella Regular Season (Frosinone):

Frosinone (3°)-Palermo (4°) 2-0 (52’Maiello, 95’Camillo Ciano. Espulsi entrambi nelle fila del Palermo: al 63’espulso direttamente dalla panchina dopo essere stato sostituito [per infortunio al 9′] il difensore polacco Dawidowicz per proteste condite da espressioni offensive all’indirizzo di un assistente arbitrale ed al 74’il Diesse Valoti per proteste condite da espressioni ingiuriose all’indirizzo del direttore di gara. Al 59’clamoroso episodio: l’Arbitro La Penna di Roma 1 concede inizialmente una punizione dal limite al Palermo per un fallo di Gori su Coronado, poi ci ripensa assegnando il rigore, scatenando le proteste dei giocatori ciociari, successivamente cambia di nuovo idea decidendo per la punizione e stavolta sono i siciliani a protestare.
La decisione finale è corretta perchè il fallo è avvenuto appena fuori area o proprio sulla linea dell’area, ma resta incredibile e forse senza precedenti la lunga attesa per decidere. Il Palermo presenterà ricorso con riserva scritta per l’assegnazione della vittoria a tavolino per gli episodi accaduti durante la gara. Su tutti oltre il lancio nel finale sull’1-0 di più palloni in campo da parte dei giocatori in panchina del Frosinone per interrompere il gioco e le ripartenze della squadra siciliana, la mancata omologazione del match visto che, dopo il gol del 2-0 di Ciano, non sarebbe arrivato il fischio finale di La Penna [mancavano ancora una trentina di secondi] ma c’è stata l’invasione di campo dei tifosi locali)
Il Frosinone (alla 2a promozione [in 3 anni] in A della sua storia) guidato in panchina da Moreno Longo succede al Benevento vincendo i Play Off di Serie B 2018, tornando così in Serie A dove manca dalla stagione 2015/16.
Mentre il Palermo di Roberto Stellone (che neanche a farlo apposta proprio lui aveva alle sue prime esperienze in panchina ottenuto 2 promozioni consecutive col Frosinone nelle stagioni 2013/14 e soprattutto 2014/15, la prima riportando la squadra ciociara in Serie B dopo aver vinto i Play Off del Girone B di 1a Divisione Lega Pro e poi la stagione successiva portandola per la prima volta nella sua storia in Serie A grazie al 2° posto tra i cadetti).

ALBO D’ORO PLAY OFF DI SERIE B (NATI NELLA STAGIONE 2003/04):
2003/04: (a 2 squadre una giunta 15a in serie A [Perugia] ed una giunta 6a in B; primo ed unico anno in cui si è giocato un Play Off a 2 squadre Inter- Divisionale) Fiorentina (6a) ; 2004/05 (a 4 squadre): Torino (5°; promozione poi revocata visto il fallimento societario per dissesto finanziario dei granata che comunque mantennero la categoria grazie al Lodo Petrucci; in Serie A al loro posto non andò la finalista perdente ossia il Perugia [3°] anch’esso fallito per dissesto finanziario e ripartito dalla Serie C1 grazie al Lodo Petrucci, ma andarono le semifinaliste Ascoli [5°] e Treviso [4°], una a sostituire proprio il Torino e l’altra il Genoa che era giunto primo al termine della Regular Season ma fu poi declassato all’ultimo posto e retrocesso in C1 per illecito sportivo); 2005/06 (a 4 squadre): Torino (3°) ;2006/07: non disputati in quanto il Genoa giunto 3° è stato promosso direttamente in Serie A visto che il distacco in classifica sulla 4a classificata era di 10 punti. La regola per la disputa dei play-off prevedeva infatti che il distacco doveva essere non superiore ai 9 punti; 2007/08 (a 4 squadre): Lecce (3°); 2008/09 (a 4 squadre): Livorno (3°) ; 2009/10 (a 4 squadre): Brescia (3°) ; 2010/11 (a 4 squadre): Novara (3°); 2011/12 (a 4 squadre): Sampdoria (6a) ; 2012/13 (a 4 squadre): Livorno (3°) ; 2013/14 (a 6 squadre): Cesena (4°); 2014/15 (a 6 squadre) : Bologna (4°) ; 2015/16 (a 6 squadre): Pescara (4°); 2016/17 (a 6 squadre): Benevento; 2017/18 (a 6 squadre): Frosinone.

Ecco le 22 squadre che in base ai risultati del campo dovrebbero comporre la Serie B 2018/19:
ASCOLI, AVELLINO (?), BARI (?), BENEVENTO (retrocesso dalla Serie A dove è giunto 20°), BRESCIA, CARPI, CESENA (?), CITTADELLA, COSENZA (neopromosso avendo vinto i Play Off Inter-Girone Nazionali di Serie C), CREMONESE, CROTONE (retrocesso dalla Serie A dove è giunto 18°), FOGGIA (?), LECCE (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie C Girone C), LIVORNO (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie C Girone A), PADOVA (Neopromosso avendo vinto il Campionato di Serie C Girone B), PALERMO, PERUGIA, PESCARA, SALERNITANA, SPEZIA, VENEZIA e VERONA (retrocesso dalla Serie A dove è giunto 19°).

In neretto le squadre retrocesse dalla Serie A e quelle neopromosse dalla Serie C.
(?)= A rischio iscrizione.

SERIE C 2017/18:

Queste le 3 squadre dei rispettivi Gironi di Serie C promosse in Serie B :
Girone A: Livorno promossa in Serie B (dove manca dalla stagione 2015/16).
Girone B (dove il Modena è stato radiato dopo la 12a giornata lasciando il Campionato da 19 a 18 squadre): Padova promosso in Serie B (dove manca dalla stagione 2013/14).
Girone C: Lecce promosso in Serie B (dove manca dalla stagione 2009/10)
In neretto le squadre promosse in Serie B
Alle 3 squadre sopra citate (vincitrici dei rispettivi Gironi) si aggiungerà la vincente dei Play-Off (vinti la scorsa stagione dal Parma).

SUPERCOPPA DI SERIE C 2018:

Girone Triangolare con Livorno (vincitore del Girone A), Padova (vincitore del Girone B) e Lecce (vincitore del Girone C).

1a Giornata di sabato 12 maggio: Padova (3 punti)-Livorno (0 punti) 5-1 (20’Belingheri, 45’Capello, 47’Belingheri, 49’Vantaggiato [L] su rigore, 66’Capello, 79′ Ravanelli) . Ha riposato: Lecce (-).

2a giornata di sabato 19 maggio: Livorno (3)-Lecce (0) 3-1 (3’Gabriele Morelli, 18’Mendes Murilo, 21’Di Piazza [Le], 56’Vantaggiato su rigore). Ha riposato: Padova (3).

3a ed ultima giornata di sabato 26 maggio : Lecce-Padova (Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Sportitalia) 0-1 (14’Daniel Cappelletti). Ha riposato: Livorno.

Classifica Finale: Padova 6, Livorno 3 e Lecce 0.
Il Padova (al 1° titolo) di Pierpaolo Bisoli succede nell’Albo d’oro al Foggia (che aveva vinto il trofeo nella scorsa stagione) vincendo la Supercoppa di Serie C 2018.

ALBO D’ORO SUPERCOPPA DI SERIE C (LEGA PRO):(dal 2000 al 2014 era a 2 squadre ossia le 2 vincenti degli unici 2 gironi di Serie C1 poi ribattezzata 1a Divisione Lega Pro, mentre dal 2015 è a 3)
1999/00 (a 2 squadre) : Siena ; 2000/01: Modena ; 2001/02 : Ascoli; 2002/03: Treviso ; 2003/04: Arezzo ; 2004/05: Rimini; 2005/06: Spezia; 2006/07: Grosseto ; 2007/08: Sassuolo; 2008/09: Gallipoli; 2009/10: Novara; 2010/11: Nocerina; 2011/12: Spezia; 2012/13: Avellino ; 2013/14 (a 2 squadre): Perugia; 2014/15 (a 3 squadre): Novara ; 2015/16: Spal; 2016/17: Foggia; 2017/18: Padova .

PLAY OFF

Girone A: Quello A è l’unico Girone dei tre di C dove i Play Off hanno coinvolto anche l’11a classificata in quanto ne ha fatto parte l’Alessandria (vincitrice della Coppa Italia) che ha riposato nel 1° e 2° Turno, entrando in gioco nel 3° Turno (1a Fase Nazionale) in cui ha giocato la gara di ritorno in casa.
La Robur Siena (2a) ha riposato nel 1° (Fase Girone), 2° (Fase Girone) e 3° (1a Fase Inter-Girone-Nazionale) turno, entrando in gioco al 4° turno (2a Fase Inter-Girone-Nazionale [quarti di finale] del 30 maggio e 3 giugno) in cui ha giocato la gara di ritorno in casa.
Il Pisa (3°) ha riposato nel 1° (Fase Girone) e 2° (Fase Girone) Turno, entrando in gioco nel 3° (1a Fase Inter-Girone-Nazionale [ottavi di finale] del 20 e 23 maggio) turno in cui ha giocato la gara di ritorno in casa, così come l’Alessandria giunta 6a ma come detto sopra vincitrice della Coppa Italia di Serie C.
Mentre il Monza (4°) ha riposato nel 1° turno (Fase Girone) ed è entrato in gioco nel 2° Turno (Fase Girone del 15 maggio) in cui ha giocato in casa.

Girone B: Il Sudtirol Alto Adige (2°) ha riposato nel 1° (Fase Girone), 2° (Fase Girone) e 3° (1a Fase Inter-Girone-Nazionale) Turno, entrando in gioco al 4° turno (2a Fase Inter-Girone-Nazionale [quarti di finale] del 30 maggio e 3 giugno) in cui ha giocatola gara di ritorno in casa.
La Samb (3a) ha riposato nel 1° (Fase Girone) e 2° (Fase Girone) Turno, entrando in gioco nel 3° (1a Fase Inter-Girone-Nazionale [ottavi di finale] del 20 e 23 maggio) turno in cui ha giocato la gara di ritorno in casa.
Mentre la Reggiana (4a) ha riposato nel 1° turno (Fase Girone) ed è entrata in gioco nel 2° Turno (Fase Girone del 15 maggio) in cui ha giocato in casa.

Girone C: Il Catania (2°) ha riposato nel 1° (Fase Girone), 2° (Fase Girone) e 3° (1a Fase Inter-Girone-Nazionale) Turno, entrando in gioco al 4° turno (2a Fase Inter-Girone-Nazionale [quarti di finale] del 30 maggio e 3 giugno) in cui ha giocato la gara di ritorno in casa.
Il Trapani (3°) ha riposato nel 1° (Fase Girone) e 2° (Fase Girone) Turno, entrando in gioco nel 3° (1a Fase Inter-Girone-Nazionale [ottavi di finale] del 20 e 23 maggio) turno in cui ha giocato la gara di ritorno in casa.
Mentre la Juve Stabia (4a) ha riposato nel 1° turno (Fase Girone) ed è entrata in gioco nel 2° Turno (Fase Girone del 15 maggio) in cui ha giocato in casa.

CALENDARIO COMPLETO E DEFINITIVO IN ORDINE CRONOLOGICO CON RISULTATI

Risultati 1° Turno (1a Fase Gironi) in gara unica (in casa delle meglio classificate al termine della Regular Season) di venerdì 11 maggio 2018:

Girone A:

Viterbese Castrense (5a)-Pontedera (11a) [Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Sportitalia] 2-1 (29’Vandeputte, 39’Baldassin, 68’Luigi Grassi [P] su rigore)

Carrarese (6a)-Pistoiese (10a) [Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Rai Sport] 5-0 (21’Agyei su rigore, 38’Biasci, 41’Tortori, 60’Foresta, 83’Vassallo)

Piacenza (8°)-Giana Erminio (9a) 4-2 (8’Matteo Marotta [G.E.], 58’Taugourdeau, 71’Niccolò Romero, 79’Pesenti, 91’Niccolò Romero, 94’Greselin [G.E.]).

Girone B:

Albinoleffe (5°)-Mestre (10°) 2-2 (32’Gelli [A], 41′ Giorgione [A], 54’Beccaro [M], 89’Boscolo Papo [M])

Feralpisalò (6a)-Pordenone (9°) 3-1 (33’Magnaghi [P], 40’Raffaello, 51’e 65′ Mattia Marchi. Al 26’espulso il tecnico della Feralpisalò Toscano per proteste)

Renate (7°)-Bassano Virtus (8°) 0-2 (27’e 45’Abou Diop. Al 35’espulso Fietta del Renate per doppia ammonizione).

Girone C:

Cosenza (5°)-Sicula Leonzio (10°) 2-1 (59’Bollino [S.L.], 82’Okereke, 87’Baclet su rigore. A fine 1°tempo espulso il tecnico del Cosenza Piero Braglia per proteste)

Monopoli (6°)-Virtus Francavilla (9a) 0-1 (74’Partipilo)

Casertana (7a)-Rende (8°) 2-1 (69’Denny Gigliotti [R], 75’Paride Pinna, 92’Turchetta. Al 73′, sullo 0-1, Turchetta della Casertana ha fallito un rigore, parato dall’estremo ospite De Brasi. Espulsi: al 72’il tecnico del Rende Trocini per proteste ed all’85’il centrocampista della Casertana Emanuele D’Anna per doppia ammonizione).

In neretto le 9 squadre che accedono al 2° Turno. A queste squadre qualificate si aggiungono le quarte classificate: Monza (Girone A), Reggiana (Girone B) e Juve Stabia (Girone C).

Risultati 2°Turno in gara unica (in casa delle meglio classificate al termine della Regular Season) di martedì 15 maggio 2018:

Girone A:

Monza (4°)-Piacenza (8°) [Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Sportitalia] 0-1 (83’Pesenti. Espulsi entrambi tra le fila del Piacenza: all’82’ il centrocampista francese Taugourdeau per doppia ammonizione ed all’88’ il centrocampista Della Latta per gioco falloso)

Viterbese Castrense (5a)-Carrarese (6a) [Gara che è stata trasmessa in differita tv su Rai Sport] 2-1 (5’Jefferson, 50’Di Paolantonio, 57’Murolo [C]. All’86’espulso il tecnico della Carrarese Silvio Baldini per proteste verso la terna arbitrale e comportamento offensivo e minaccioso verso un tesserato della squadra avversaria)

Girone B:

Reggiana (4a)-Bassano Virtus (8°) 1-0 (49’Alessandro Cesarini).

Albinoleffe (5°)-Feralpisalò (6a) 0-1 (32’Staiti. Al 95’espulso Sbaffo dell’Albinoleffe per reiterate proteste)

Girone C:

Juve Stabia (4a)-Virtus Francavilla (9a) 4-3 (4’Fabrizio Melara, 12’Canotto, 26’Partipilo [V.F.], 73’Filippo Berardi, 78’Partipilo [V.F.], 84’Prestia [V.F.], 88’Paponi).

Cosenza (5°)-Casertana (7a) 1-1 (2’Tutino [Co], 13’Finizio [Ca]. Al 93’espulso Rainone della Casertana per aver colpito un avversario a gioco fermo)

In neretto le 6 squadre che accedono al 3° Turno (1° Turno Nazionale-Ottavi [andata domenica 20 maggio e ritorno mercoledì 23 maggio]). A queste squadre qualificate si aggiungono le terze classificate: Pisa (Girone A), Samb (Girone B), Trapani (Girone C) e l’Alessandria (vincitrice della Coppa Italia di Serie C) teste di serie così come la Reggiana (migliore 4a).

Risultati gare d’andata 3°Turno (1a Fase Inter-Girone Nazionale-Ottavi di finale) di domenica 20 maggio 2018:

Gara 1 : Viterbese Castrense (5a classificata nel Girone A) -Pisa (3°classificato nel Girone A) 1-0 (34’Sini)

Gara 2 : Piacenza (8° classificato nel Girone A) -SAMB (3a classificata nel Girone B) 2-1 (21’Miracoli [S], 26’Jacopo Silva, 35’Bini)

Gara 3 : Cosenza (5° classificato nel Girone C)-Trapani (3° classificato nel Girone C) [Gara che è stata trasmessa in diretta streaming sul sito raisport.rai.it e poi in differita tv su Rai Sport] 2-1 (53’Tutino, 79’Okereke, 92’Polidori [T])

Gara 4: Feralpisalò (6a classificata nel Girone B) -Alessandria (vincitrice della Coppa Italia di Serie C) 2-3 (7’Pablo Andres Gonzalez, 64’Bellazzini, 76’Michele Marconi, 83’Staiti [F], 87’Andrea Ferretti [F])

Gara 5: Juve Stabia (4a classificata nel Girone C) -Reggiana (4a classificata nel Girone B) 0-0

Risultati gare di ritorno 3°Turno (1a Fase Inter-Girone Nazionale-Ottavi di finale) di mercoledì 23 maggio 2018 :

Gara 1 : Pisa (3°classificato nel Girone A)-Viterbese Castrense (5a classificata nel Girone A) 2-3 (8’Ingrosso [P], 32′ Baldassin, 49’Michele Rinaldi, 57’Cenciarelli, 65’Daniele Mannini [P] su rigore)

Gara 2 : SAMB (3a classificata nel Girone B) -Piacenza (8° classificato nel Girone A) 3-1 (49’Miracoli su rigore, 59’Rapisarda, 87’Miracoli su rigore, 89’Stefano Franchi [P]. All’85’espulso direttamente dalla panchina per proteste e comportamento offensivo verso il direttore di gara il portiere di riserva del Piacenza Mattia Lanzano. La Samb sullo 0-0 ha colpito ben 4 legni: all’11’traversa di Miracoli, al 26’palo esterno di Bellomo, al 42’traversa di Bellomo su punizione ed al 46’traversa di Patti su conclusione dai 30 metri)

Gara 3 : Trapani (3° classificato nel Girone C)-Cosenza (5° classificato nel Girone C) 0-2 (63’Okereke, 78’Tutino)

Gara 4: Alessandria (vincitrice della Coppa Italia di Serie C)-Feralpisalò (6a classificata nel Girone B) 1-3 (17’Raffaello, 43’Simone Guerra, 55’Sestu [A] , 73’Andrea Ferretti)

Gara 5: Reggiana (4a classificata nel Girone B-testa di serie)-Juve Stabia (4a classificata nel Girone C) [Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Rai Sport] 1-1 (68’Simeri [J.S.], 80’Bastrini [R]. Espulsi: al 70’Andrea Bovo della Reggiana per fallo di reazione su Vicente ed all’84’lo stesso Vicente della Juve Stabia per accese e colorite proteste)

In neretto le squadre che accedono al 4° Turno (2a Fase Inter-Girone Nazionale-Quarti di finale).
Le 5 squadre qualificate accedono al 4° Turno (2a Fase Nazionale-Quarti di finale: andata mercoledì 30 maggio e ritorno domenica 3 giugno) dove entrano in gioco anche le tre seconde classificate: Robur Siena (Girone A), Sudtirol Alto Adige (Girone B) e Catania (Girone C), teste di serie così come la Samb (unica 3a classificata rimasta in corsa).

Risultati gare d’andata 4°Turno (2a Fase Nazionale-quarti di finale) di mercoledì 30 maggio 2018:

Gara 1 : Viterbese Castrense (5a classificata nel Girone A)-Sudtirol Alto Adige (2° classificato nel Girone B) 2-2 (35′ autorete di Tait su tocco sotto-misura di Celiento [V.C.], 58’e 72’Rocco Costantino [S.A.A.], 88’Jefferson [V.C.]).

Gara 2 : Feralpisalò (6a classificata nel Girone B) -Catania (2° classificato nel Girone C) [Gara che è stata trasmessa in differita tv in chiaro su Rai Sport] 1-1 (44’Simone Guerra [F], 73’Francesco Ripa [C])

Gara 3 : Reggiana (6a classificata nel Girone B)-Robur Siena (2a classificata nel Girone A) 2-1 (18’Rondanini [R.S.], 19’Manfrin, 52’Altinier).

Gara 4: Cosenza (5° classificato nel Girone C)-SAMB (3a classificata nel Girone B) 2-1 (21’Bruccini, 60’Alessandro Marchi [S], 86’Baclet)

Risultati gare di ritorno 4°Turno (2a Fase Nazionale-quarti di finale) di domenica 3 giugno 2018:

Gara 1 : Sudtirol Alto Adige (2° classificato nel Girone B)-Viterbese Castrense (5a classificata nel Girone A) 2-0 (47’Rocco Costantino, 95’Candellone. Spettatori: 2700 circa [di cui 150 quelli provenienti da Viterbo])

Gara 2 : Catania (2° classificato nel Girone C) -Feralpisalò (6a classificata nel Girone B) 2-0 (58’Barisic, 70’autorete di Bagadur che ha deviato involontariamernte di testa nella propria porta una conclusione tentata da Russotto. Espulsi entrambi tra le fila della Feralpisalò: al 29′ il tecnico Toscano per furibonde proteste dopo un rigore negato ai suoi per un fallo in area su Andrea Ferretti ed al 31’il preparatore dei portieri Rivetti, anch’egli per proteste. Per la sfida del Comunale Angelo Massimino di Catania sono stati venduti complessivamente 13.358 biglietti per un incasso pari a € 192.746.)

Gara 3 : Robur Siena (2a classificata nel Girone A)-Reggiana (6a classificata nel Girone B) 2-1 (43’Cristiani, 93’Altinier [R], 99’Claudio Santini su rigore. Espulsi: al 44′ il tecnico del Siena Mignani per eccesso di esultanza, al 98’Bastrini della Reggiana per proteste e dopo il triplice fischio finale Altinier sempre della Reggiana, per aver protestato con veemenza rivolgendo all’arbitro frasi offensive e minacciandolo di morte. Allontanati dal rettangolo di gioco nel finale anche diversi dirigenti e componenti dello staff tecnico della Reggiana: Magalini [Diesse], Malpeli [Team manager], Marco Bresciani [preparatore atletico], La Rosa [allenatore in 2a], Andrea Rossi [preparatore dei portieri], Tedeschi [collaboratore tecnico], Taglia [responsabile sanitario] e Mastini [massaggiatore]. 4762 spettatori [1326 ospiti] per un incasso di 46901 €.
Al termine della gara grande agitazione al Franchi sul terreno di gioco [come detto sopra], in tribuna dove volano pesanti insulti e si accendono aspri battibecchi e nel settore ospiti dove i tifosi della Reggiana scavalcano le barriere e si ritrovano in campo, arrivando a sfiorare il contatto con tesserati e terna arbitrale [arbitro Pierantonio Perotti di Legnano (Milano) coadiuvato dagli assistenti Christian Zanardi di Genova e Roberto Margheritino di Savona] accusata di aver concesso al minuto 97 un rigore [per un presunto fallo di mani in area ospite] molto dubbio che ha deciso la qualificazione. Solo l’intervento della polizia, in assetto antisommossa, ha riportato la situazione alla normalità dopo 10 minuti di alta tensione)

Gara 4: SAMB (3a classificata nel Girone B)-Cosenza (5° classificato nel Girone C) 0-2 (6’Mungo, 76’Baclet su rigore. Spettatori: 10.187 di cui 757 quelli provenienti da Cosenza)

In neretto le 4 squadre approdate alle semifinali.

Risultati Semifinali d’andata di mercoledì 6 giugno 2018:

Gara 1: Robur Siena -Catania (Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Rai Sport) 1-0 (69’Alessandro Marotta. Spettatori: 4306 paganti [di cui 113 ospiti] per un incasso di 41090,50 euro)

Gara 2: Sudtirol Alto Adige -Cosenza 1-0 (90’Cia. Spettatori: 3.484 [di cui 412, quelli provenienti da Cosenza])

Risultati Semifinali di ritorno di domenica 10 giugno 2018:

Gara 1: Catania-Robur Siena 2-1 D.T.S. (30’Claudio Santini [S], 43’Curiale, 66’Lodi su rigore. Espulsi entrambi nelle fila del Siena e per doppia ammonizione: al 77’Iapichino ed al 115’Rondanini. Poi al termine della gara nel tunnel degli spogliatoi ci sono stati altri 2 espulsi senesi : Claudio Santini che ha partecipato alla maxi-rissa fra tesserati di entrambe le squadre tentando di colpire con un calcio un tesserato della squadra siciliana e colpendo seppur involontariamente al fianco destro un addetto federale e Bulevardi che ha urlato a voce alta “abbiamo vinto contro tutti e contro la Lega”, frase ritenuta inopportuna ed oltraggiosa. Spettatori: 18.171 spettatori per un incasso di 283.724 euro) e 3-4 D.C.R. Sequenza rigori: Gerli (S) gol, Lodi (C) gol, Damian (S) gol, Curiale (C) gol, Bulevardi (S) parato, Blondett (C) alto sopra la traversa, Sbraga (S) gol, Di Grazia (C) gol, Alessandro Marotta (S) gol ed Andrea Mazzarani (C) traversa.

Gara 2: Cosenza -Sudtirol Alto Adige (Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Rai Sport) 2-0 (68’Baclet, 93’autorete di Frascatore che ha deviato di testa nella propria porta un angolo dalla sinistra battuto da Mungo. Spettatori 17461 per un incasso di 175.902 euro)

In neretto le 2 squadre approdate in finale.

Finale in gara unica di sabato 16 giugno 2018 giocata allo Stadio Adriatico “Giovanni Cornacchia” di Pescara:

Robur Siena-Cosenza (Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Rai Sport) 1-3 (34’Bruccini, 47’Tutino, 72’Alessandro Marotta [R.S.] su rigore, 86’Baclet).
Il Cosenza guidato in panchina da Piero Braglia (che aveva rilevato alla 6a giornata della Regular Season l’esonerato Gaetano Fontana; riscatto personale dopo che la scorsa stagione ad un passo dal traguardo alla guida dell’Alessandria nel Girone A fu esonerato alla 36a giornata dopo il sorpasso in vetta della Cremonese ed un vantaggio che era arrivato fino a 10 punti dilapidato; è la 3a volta che vince i Play Off portando una sua squadra in Serie B; nella sua carriera da allenatore prima di questa impresa alla guida del Cosenza i successi più rilevanti erano stati: il Campionato di Serie C1 Girone B vinto nella stagione 2003/04 riportando il Catanzaro in B dopo 14 anni, i Play Off di Serie C1 Girone A vinti nella stagione 2006/07 riportando il Pisa in B dopo 13 anni, i Play Off di Serie C1 Girone B vinti nella stagione 2010/11 riportando la Juve Stabia in B dopo 58 anni e la Coppa Italia di Lega Pro vinta con la stessa Juve Stabia sempre nella stagione 2010/11) giunto 5° nel Girone C, succede al Parma (che aveva vinto i Play Off di Lega Pro 2017 battendo nella finale di Firenze per 2-0 l’Alessandria) vincendo i Play Off di Serie C 2018 e venendo promosso in Serie B (dove manca dalla stagione 2002/03).
Mentre il Siena (che manca dalla Serie B dalla stagione 2013/14) giunto 2° nel Girone A salvo eventuale ripescaggio (per ora improbabile, anche se ci sono 3 squadre in B in crisi societaria) , resta in Serie C.

PLAY OUT (Andata sabato 19 maggio in casa della peggio classificata e ritorno sabato 26 maggio in casa della meglio classificata)

Girone A :

Gara d’andata: Cuneo (18°)-Gavorrano (17°) 1-0 (31’Zamparo. Al 45’Lorenzo Remedi del Gavorrano ha fallito il rigore del possibile pari, calciandolo alto al di sopra della traversa. All’85’espulso Domenico Marchetti del Gavorrano per doppia ammonizione. Al 90’brutta rissa davanti alla panchina del Gavorrano).

Gara di ritorno: Gavorrano (17°)-Cuneo (18°) 0-0.

In neretto la squadra salva e che dunque rimane in serie C.

Il Cuneo è salvo rimanendo in serie C, mentre il Gavorrano retrocede in Serie D.

Ricordiamo che il Prato è direttamente retrocesso in Serie D in quanto ha chiuso regular season con un distacco (-11) superiore agli 8 punti dalla 16a (Arezzo, salvo).

Girone B:

Gara d’andata: Vicenza (18°)-Santarcangelo (17°) [Gara che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Sportitalia] 2-1 (47’Alimi, 54′ Lesjak [S], 67’Giacomelli. Al 58’espulso il difensore croato del Santarcangelo Lesjak per doppia ammonizione).

Gara di ritorno: Santarcangelo (17°)-Vicenza (18°) 1-1 (81’Giacomelli [V], 95’Gianmarco Piccioni [S]. All’88’Nicola Ferrari del Vicenza ha fallito un rigore, colpendo il palo) .

In neretto la squadra salva e che dunque rimane in serie C.

Il Vicenza è salvo rimanendo in serie C, mentre il Santarcangelo (che sul campo si era salvato prima che arrivasse la penalizzazione di 2 punti a Campionato terminato, penalizzazione per la quale non ha poi presentato ricorso) retrocede in Serie D dopo 7 stagioni consecutive nei Professionisti.

Ricordiamo che in questo Girone il Modena è stato radiato dopo la 12a giornata e ripartirà dalla Serie D.

Girone C:

Gara d’andata: Racing Fondi (18°)-Paganese (17a) 2-2 (11’Christian Cesaretti [P], 56’e 58’Nolè [R.F.], 89’Bensaja [P]).

Gara di ritorno: Paganese (17a)-Racing Fondi (18°) 2-1 (48’Ciotola [R.F.], 57’Christian Cesaretti, 84’Francesco Scarpa. All’85’espulso direttamente dalla panchina dopo essere stato sostituito, Cesaretti della Paganese per comportamento scorretto e provocatorio verso i componenti della panchina della squadra avversaria).

In neretto la squadra salva e che dunque rimane in serie C.

La Paganese è salva rimanendo in Serie C, mentre il Racing Fondi retrocede in Serie D.

Ricordiamo che l’Akragas è direttamente retrocesso in Serie D in quanto ha chiuso regular season con un distacco (-36) superiore agli 8 punti dalla 16a (Matera, salvo).

SERIE B: (a 22 squadre, dove l’Ascoli è giunto 18° e si è poi salvato dopo il play out pareggiato contro la Virtus Entella)

I verdetti definitivi:

Empoli (1°, vince per la 2a volta [la prima era stata nella stagione 2004/05] nella sua storia il Campionato di Serie B, succedendo nell’Albo d’Oro alla Spal, tornando in Serie A dove manca dalla scorsa stagione 2016/17) e Parma (2°; torna in Serie A dove manca dalla scorsa stagione 2014/15; dopo il fallimento del 2015 3 promozioni consecutive: stagione 2015/16 dalla Serie D vincendo il Girone D alla Lega Pro, stagione 2016/17 dalla Lega Pro alla Serie B attraverso la vittoria dei Play Off ed infine questa stagione 2017/18 dalla Serie B alla Serie A. Una tripla promozione dalla D alla A senza precedenti nella storia del calcio professionistico italiano) direttamente promosse in Serie A.

Albo d’Oro promozioni dalla Serie B alla Serie A

Parma e Frosinone hanno chiuso Regular Season seconde a pari punti (72) ma in base agli scontri diretti (2-1 interno per il Frosinone all’andata e 2-0 per il Parma al ritorno) la squadra ducale risulta davanti (2a) e dunque è stata promossa in Serie A , mentre quella ciociara (3a) ha disputato e vinto i Play Off.

I PLAY OFF (vinti la scorsa stagione dal Benevento) a cui hanno partecipato quest’anno: Frosinone (3°), Palermo (4°), Venezia (5°), Cittadella (6°), Bari (7°) e Perugia (8°) hanno deciso la terza ed ultima promozione in Serie A.

Il calendario dei Play Off è stato poi modificato con le date posticipate (sotto il programma aggiornato) a causa del caso Bari (penalizzato di 2 punti e scavalcato in classifica dal Cittadella che ha dunque giocato in casa il Turno Preliminare in gara unica) e del reclamo presentato per lo stesso dal Cittadella calcio.

Turno preliminare in gara unica (in casa delle meglio classificate nella Regular Season) di domenica 3 giugno 2018 :

Cittadella (6°)-Bari (7°) 2-2 D.T.S. (51’Galano [B], 53′ e 69’Bartolomei [C], 87’Nenè [B]. Espulsi tutti nelle fila del Bari: al 114’Gyomber per proteste condite da insulti all’indirizzo dell’arbitro, al 116’Brienza per aver colpito violentemente con un calcio alla gamba destra un calciatore avversario ed al 117’direttamente dalla panchina dopo essere stato sostituito Sabelli per attaggiamento minaccioso e per aver spintonato con forza alcuni componenti della panchina avversaria)

D.T.S.= Dopo Tempi Supplementari.

Venezia (5°)-Perugia (8°) 3-0 (30’Stulac, 74’Modolo, 83’Pinato).

In neretto le 2 squadre approdate alle semifinali.

Risultati Semifinali di mercoledì 6 giugno (andata) e domenica 10 giugno (ritorno-in casa delle meglio classificate nella Regular Season) :

Cittadella (6°)- Frosinone (3°) 1-1 (17’Paganini [F], 42’autorete di Nicolò Brighenti su conclusione tentata da Chiaretti [C]) ed 1-1 (47’Mirko Gori [F], 74’Kouamè [C]. Al 92’espulso Varnier del Cittadella per doppia ammonizione)

Venezia (5°)-Palermo (4°) 1-1 (53’La Gumina [P], 57’Marsura [V]) e 0-1 (5’autorete di Domizzi dopo una conclusione di Trajkovski respinta dal portiere ospite Audero. All 81’espulso Pinato del Venezia per gioco falloso. All’88’La Gumina del Palermo ha fallito un rigore, parato dall’estremo ospite Audero)

In neretto le 2 squadre approdate in finale.

Finale Play Off di mercoledì 13 giugno (l’andata) e sabato 16 giugno (il ritorno, sul campo della meglio classificata nella Regular Season) 2018:

Palermo (4°)-Frosinone (3°) 2-1 (4’Camillo Ciano [F], 45’La Gumina, 80’autorete di Terranova su angolo battuto da Coronado) l’andata al Renzo Barbera di Palermo e 0-2 (52’Maiello, 95’Camillo Ciano. Espulsi entrambi nelle fila del Palermo: al 63’espulso direttamente dalla panchina dopo essere stato sostituito [per infortunio al 9′] il difensore polacco Dawidowicz per proteste condite da espressioni offensive all’indirizzo di un assistente arbitrale ed al 74’il Diesse Valoti per proteste condite da espressioni ingiuriose all’indirizzo del direttore di gara. Al 59’clamoroso episodio: l’Arbitro La Penna di Roma 1 concede inizialmente una punizione dal limite al Palermo per un fallo di Gori su Coronado, poi ci ripensa assegnando il rigore, scatenando le proteste dei giocatori ciociari, successivamente cambia di nuovo idea decidendo per la punizione e stavolta sono i siciliani a protestare.
La decisione finale è corretta perchè il fallo è avvenuto appena fuori area o proprio sulla linea dell’area, ma resta incredibile e forse senza precedenti la lunga attesa per decidere. Il Palermo presenterà ricorso con riserva scritta per l’assegnazione della vittoria a tavolino per gli episodi accaduti durante la gara. Su tutti oltre il lancio nel finale sull’1-0 di più palloni in campo da parte dei giocatori in panchina del Frosinone per interrompere il gioco e le ripartenze della squadra siciliana, la mancata omologazione del match visto che, dopo il gol del 2-0 di Ciano, non sarebbe arrivato il fischio finale di La Penna [mancavano ancora una trentina di secondi] ma c’è stata l’invasione di campo dei tifosi locali) il ritorno al Benito Stirpe di Frosinone.
Il Frosinone (alla 2a promozione [in 3 anni] in A della sua storia) guidato in panchina da Moreno Longo succede al Benevento vincendo i Play Off di Serie B 2018, tornando così in Serie A dove manca dalla stagione 2015/16.

Spareggio Play Out (ha deciso la 4a ed ultima retrocessione stagionale in Serie C ) di giovedì 24 maggio (andata) e giovedì 31 maggio (ritorno sul campo della quintultima in classifica nella Regular Season ossia l’Ascoli) :
Virtus Entella (19a)-Ascoli (18°) 0-0 (Al 91’espulsi i 2 tecnici Volpe dell’Entella e Cosmi dell’Ascoli per battibecco e proteste) l’andata al Comunale di Chiavari (Genova) e 0-0 anche il ritorno al Del Duca.

L’Ascoli è salvo in virtù del miglior piazzamento al termine della Regular Season. La Virtus Entella retrocede in Serie C. Dopo 4 stagioni tra i cadetti la squadra di Chiavari (in provincia di Genova) torna in 3a Serie dove manca dalla stagione 2013/14 (che allora si chiamava Prima Divisione Lega Pro). A dire il vero la formazione genovese era retrocessa sul campo anche nella stagione 2014/15 anche allora pareggiando (2-2 l’andata a Chiavari ed 1-1 il ritorno a Modena), il doppio spareggio play out in quell’occasione contro il Modena che si era piazzato davanti (18° vs 19°) al termine della Regular Season. Ma poi in estate la Virtus fu ripescata al posto del Catania retrocesso d’ufficio in Lega Pro per illecito sportivo.
Ascoli ed Entella in questa stagione si sono incontrate 4 volte ed è finita sempre in parità. I 2 match di Campionato entrambi 1-1 e quelli dei play out entrambi 0-0.

Novara (20°), Pro Vercelli (21a) e Ternana (22a), ultime tre della classifica sono retrocesse direttamente in Serie C .

Virtus Entella e Novara hanno chiuso Regular Season 19esime a pari punti (44) ma in base agli scontri diretti (entrambi vinti dalla Virtus Entella: 2-1 interno a Chiavari l’andata e 0-1 esterno a Novara al ritorno) la squadra ligure è risultata davanti (19a) e dunque ha disputato il play out, mentre quella piemontese (20a) è direttamente retrocessa in Serie C.

SERIE D
Queste le 9 squadre dei rispettivi Gironi di Serie D promosse in Serie C:
Girone A (a 20 squadre): Gozzano ;
Girone B (a 19 squadre, visto il ripescaggio in soprannumero della Calcio Romanese) : Pro Patria ;
Girone C : Virtus Vecomp Verona ;
Girone D (a 20 squadre): Rimini;
Girone E: Albissola 2010 ;
Girone F: Vis Pesaro ;
Girone G : Rieti ;
Girone H : Potenza ;
Girone I : Vibonese che nello spareggio del Comunale Granillo di Reggio Calabria ha battuto (5-3 ai rigori, dopo lo 0-0 tempi regolamentari e supplementari) il Troina con cui aveva chiuso Regular Season in testa a pari punti (76). Sequenza rigori: Kenneth Obodo (V) gol, Giovanni Fricano (T) gol, Franchino (V) gol, Tuninetti (T) gol, Luigi Silvestri (V) gol, Federico Vazquez (T) gol, Bubas (V) gol, Giacomo Fricano (T) alto ed Alan Arario (V) gol.
In neretto le 9 squadre promosse in Serie C
Le 9 vincitrici dei rispettivi gironi si giocano lo Scudetto Dilettanti (vinto la scorsa stagione dal Monza).
A queste 9 squadre promosse si aggiungono nella Serie C che verrà (2018/19) Virtus Entella (19a, retrocessa dopo il play out pareggiato con l’Ascoli), Novara (20°), Pro Vercelli (21a) e Ternana (22a) retrocesse dalla Serie B.

POULE SCUDETTO 2018:

Girone Triangolare 1: Gozzano (Girone A), Pro Patria (Girone B) e Virtus Vecomp Verona (Girone C)

Girone Triangolare 2: Rimini (Girone D), Albissola (Girone E) e Vis Pesaro (Girone F)

Girone Triangolare 3: Rieti (Girone G), Potenza (Girone H) e Vibonese (Girone I)

Fase finale per il Titolo di Campione d’Italia Dilettanti 2017/18:

Risultati 1a Giornata Gironi Triangolari di domenica 13 maggio 2018 :

Girone Triangolare 1: Pro Patria (3 punti)-Virtus Vecomp Verona (0 punti) 3-1 (12’Zaro, 35’Pedrinelli [V.V.V.], 64’Cottarelli, 91’Mozzanica). Ha riposato: Gozzano (-).

Girone Triangolare 2: Rimini (un punto)-Albissola (un punto) 4-4 (6’Cargiolli [A], 18’Cargiolli [A] su rigore, 48’Gargiulo [A], 65’Guiebre [R], 68’Carballo [A], 84’Alex Ambrosini [R], 86’Valeriani [R], 90’Cicarevic [R]. All’89’espulso Boveri dell’Albissola per doppia ammonizione. Ha riposato: Vis Pesaro (-)

Girone Triangolare 3: Potenza (un punto)-Rieti (un punto) 0-0 (Al 12’espulso Ciro Panico del Potenza per fallo da ultimo uomo). Ha riposato: Vibonese (-).

Risultati 2a giornata di domenica 20 maggio:

Girone Triangolare 1: Virtus Vecomp Verona (0)-Gozzano (3) 0-2 (17’Gemelli, 66’Paolo Romeo). Ha riposato: Pro Patria (3).

Girone Triangolare 2: Vis Pesaro (0)-Rimini (4) [Gara giocata sul neutro Comunale di Fossombrone ed a porte chiuse] 1-2 (40’Baldazzi [V.P.], 58’Daniele Simoncelli, 89’Alex Ambrosini) . Ha riposato: Albissola (1).

Girone Triangolare 3: Vibonese (3)-Potenza (1) 4-0 (7’Silvestro, 51’Bubas, 57’Tito e 66’Pietro Ciotti). Ha riposato: Rieti (1).

Risultati 3a ed ultima giornata di mercoledì 23 maggio :

Girone Triangolare 1: Gozzano-Pro Patria 0-0 (Al 48’Le Noci della Pro Patria, ha fallito un rigore, parato dall’estremo locale Gattone che ha deviato la sfera in corner). Ha riposato: Virtus Vecomp Verona.
Classifica Finale: Pro Patria * (differenza reti +2, gol fatti 3) e Gozzano ** (differenza reti +2, gol fatti 2; migliore seconda) 4 , Virtus Vecomp Verona 0.

*= 1a classificata in quanto a parità di punti, scontro diretto e differenza reti ha segnato un gol in più (3 vs 2) rispetto alla squadra giunta 2a.
**= Qualificata alle semifinali come migliore tra le seconde grazie ad migliore differenza reti (+2 vs +1) rispetto al Rimini.

Girone Triangolare 2: Albissola-Vis Pesaro 2-0 (46′ e 75’Cargiolli). Ha riposato: Rimini.
Classifica Finale: Albissola (differenza reti +2) * e Rimini (differenza reti +1) 4, Vis Pesaro 0.

*= 1a classificata in virtù della migliore differenza reti rispetto alla squadra giunta 2a.

Girone Triangolare 3: Rieti-Vibonese 1-2 (8’Bubas, 29’Tiraferri [R], 37’Pietro Ciotti. All’85’espulso Giacomo Biondi del Rieti per doppia ammonizione) Ha riposato: Potenza.
Classifica Finale: Vibonese 6, Rieti e Potenza 1.

In neretto le 4 squadre approdate alle semifinali.

Risultati semifinali in gara unica di giovedì 31 maggio 2018:

1a semifinale al Comunale di Rignano sull’Arno (Firenze): Aurora Pro Patria-Albissola 4-0 (8’Mario Alberto Santana, 55’Le Noci, 69’Alex Pedone, 88’Alex Pedone su rigore)

2a semifinale al Comunale Virgilio Fedini di San Giovanni Valdarno (Arezzo): Gozzano-Vibonese 1-3 (7’Michele Silvestro, 64’Messias [G], 66’Luigi Silvestri, 83’Pietro Ciotti. Al 78’espulso per gioco falloso l’attaccante brasiliano del Gozzano Messias)

In neretto le 2 squadre approdate in finale.

Finale di sabato 2 giugno 2018 al Comunale Virgilio Fedini di San Giovanni Valdarno (Arezzo):
Vibonese-Aurora Pro Patria 1-2 (36’Disabato, 61’Molnar , 90’Luigi Silvestri [V]).
L’ Aurora Pro Patria (al 1° Scudetto Dilettanti vinto), succede nell’Albo d’oro al Monza (che la scorsa stagione aveva vinto lo scudetto battendo in finale sempre per 2-1, il Ravenna), conquistando il titolo di Campione d’Italia Dilettanti 2018.

ALBO D’ORO SCUDETTO DILETTANTI:
1952/53: Catanzaro; 1953/54: Bari; 1954/55: Colleferro (batte al sorteggio Mestrina); 1955/56: Siena ; 1956/57: Ravenna; 1957/58: Cosenza, Mantova e Spezia (ad ex aequo nel Campionato Interregionale) e Civitavecchiese (giocato tra le vincitrici dei gironi 1a Categoria); 1958/59:Cascina (giocato tra le vincitrici dei gironi del Campionato Nazionale Dilettanti); 1959/60: Ponziana (giocato tra le vincitrici dei gironi di 1a Categoria); 1960/61: Borgomanero (giocato tra le vincitrici dei gironi 1a Categoria) ; 1961/62: Nocerina (titolo giocato tra le vincitrici dei gironi 1a Categoria); Poi non assegnato fino alla stagione –1966/67: Sessana (giocato tra le vincitrici dei gironi di 1a Categoria); Poi dal 1988 al 1992 è stato assegnato il trofeo Jacinto (che si giocava tra le squadre di Interregionale promosse in C2; torneo precursore dell’odierno Scudetto Dilettanti):
1987/88: Trani; 1988/89: Valdagno; 1989/90: Enna; 1990/91: Matera; 1991/92: Oltrepò.
1992/93: Crevalcore; 1993/94: Pro Vercelli ; 1994/95: Taranto ; 1995/96 (fu per la prima ed unica volta un torneo precursore dei Play Off a cui parteciparono le squadre classificate dal 2° al 5° posto di ogni Girone per giocarsi un eventuale ripescaggio): Castel San Pietro (successivamente non ripescato in C2) ; 1996/97: Biellese; 1997/98: Giugliano; 1998/99: Lanciano (fino a 2 stagioni fa era in Serie B, poi dopo il fallimento societario ora è inattivo); 1999/00: Sangiovannese; 2000/01: Palmese; 2001/02: Olbia; 2002/03: Cavese; 2003/04: Massese; 2004/05: Bassano Virtus; 2005/06: Paganese; 2006/07: Tempio (successivamente non ammesso in C2) ; 2007/08: San Felice Normanna; 2008/09: Pro Vasto (dopo il fallimento dell’estate 2010 ed essere rimasta fuori per 2 anni da tutti i campionati, oggi riprendendo nome del passato Vastese si trovava in Eccellenza Abruzzo, campionato vinto proprio quest’anno ottenendo la promozione in Serie D); 2009/10: Montichiari ; 2010/11: Cuneo; 2011/12: Unione Venezia; 2012/13: Ischia Isolaverde; 2013/14: Pordenone; 2014/15: Siena; 2015/16: Viterbese Castrense; 2016/17: Monza; 2017/18: Aurora Pro Patria.

Risultati delle 9 Finali (2a Fase) Play Off dei rispettivi Gironi di Serie D di domenica 20 maggio:

Girone A: Como (2°)-Chieri (4°) 3-2 D.T.S.

Girone B: Pergolettese (4a)-Darfo Boario (5°) 1-0

Girone C: Campodarsego (2°)-Union Azignanochiampo (3°) [Gara giocata sabato 26 maggio] 3-4

Girone D: Imolese (2a)-Forlì (3°) [Gara giocata domenica 27 maggio] 1-0

Girone E: Unione Sanremo (2a)-Ponsacco (3°) 0-2

Girone F: Matelica (2°)-Pineto (4°) 2-0 (26’Gianmarco Gabbianelli, 32’Angelilli)

Girone G: Albalonga (2°)-Trastevere (4°) 3-1 D.T.S.

Girone H: Cavese (2a)-Taranto (4°) [Gara giocata senza la presenza del pubblico ospite visto divieto deciso dal Prefetto di Salerno per motivi di sicurezza] 3-1.

Girone I: Ercolanese (4a)-Igea Virtus Barcellona (5°) [Gara giocata domenica 27 maggio] 0-3.

D.T.S.= Dopo Tempi Supplementari

In neretto le 9 squadre che hanno vinto i Play Off dei rispettivi Gironi.

Le squadre vincenti formano una graduatoria per eventuali ripescaggi in Serie C.

La classifica dei ripescaggi 2018

Di seguito la classifica valida per i ripescaggi in Serie D, quella delle perdenti verrà usata in caso fosse termintata la prima:

Classifica coefficienti delle vincenti Play Off

1) Cavese 2,235
2) Como 2,131
3) Matelica 2,088
4) Albalonga 2,058
5) Union Azignanochiampo 1,970
6) Imolese 1,868
7) Pergolettese 1,861
8) Ponsacco 1,823
9) Igea Virtus Barcellona 1,764

Classifica coefficienti delle perdenti delle finali play off
1) Campodarsego 2,50 (primo per il miglior piazzamento al termine della regular season + 0,50 di bonus per aver vinto la Coppa Italia di Serie D)
2) Taranto 2
3) Unione Sanremo 1,970
4) Ercolanese 1,882
5) Chieri 1,868
6) Trastevere 1,823
7) Darfo Boario 1,772 (1,722 + 0,05 Bonus Giovani “D” Valore)
8) Forlì 1,760 (1,710 +0,05 Bonus Giovani “D” Valore)
9) Pineto 1,726 (1,676 + 0,05 Bonus Giovani “D” Valore)

ECCELLENZA 2017/18

Ecco il quadro Nazionale aggiornato di tutte le squadre che hanno vinto o sono in testa ai propri campionati regionali d’Eccellenza e sono dunque approdate o stanno per approdare in Serie D:
Abruzzo : Real Giulianova
Basilicata: Rotonda Calcio
Calabria: Locri
Campania: Savoia (Nel Girone A) e Sorrento che nello spareggio di Avellino ha battuto (1-0) l’Agropoli con cui aveva chiuso Regular Season in testa a pari punti (Nel Girone B )
Emilia Romagna: Axys Zola che nello spareggio di Reggio Emilia ha battuto (5-4 ai rigori, dopo lo 0-0 tempi regolamentari e supplementari) il Rosselli Mutina con cui aveva chiuso Regular Season in testa a pari punti (Girone A) e Savignanese (Girone B)
Friuli Venezia Giulia: Chions
Lazio: Vis Artena (Girone A) e Città di Anagni (Girone B)
Liguria: Fezzanese
Lombardia (unica regione che ha tre gironi d’Eccellenza): Cavenago Fanfulla (Girone A), Sondrio (Girone B) ed Adrense (Girone C)
Marche: Montegiorgio
Molise: Isernia
Piemonte e Valle D’Aosta (unica regione che non ha un proprio girone d’Eccellenza): Stresa Sportiva (Girone A) e Pro Dronero (Girone B)
Puglia: Città di Fasano
Sardegna: Castiadas
Sicilia: Marsala (Girone A ) e Città di Messina (Girone B)
Toscana: San Gimignano che nello spareggio di Castelfiorentino (Firenze) ha battuto (2-1 ai rigori, dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari e supplementari) il Cuoiopelli con cui aveva chiuso Regular Season in testa a pari punti (Girone A) ed Aglianese (Girone B).
Trentino Alto Adige: Virtus Bolzano
Umbria: Bastia
Veneto: Cartigliano (Girone A) e Sandonà (Girone B).
In neretto le squadre promosse in serie D.
A queste squadre sopra citate nei rispettivi Gironi di Serie D dove verranno inserite si aggiungono le 7 vincitrici dei play off Nazionali (Calvina [Eccellenza Lombardia Girone C], Castrovillari [Calabria], Ladispoli [Lazio Girone A], Omnia Bitonto [Puglia], Sinalunghese [Toscana Girone B], Torres [Sardegna] e Villa d’Almè Valbrembana [Lombardia Girone B]) d’Eccellenza ed il Sankt Georgen (vincitore della Coppa Italia Dilettanti).

Ecco le squadre (per ora 163) divise per regioni che in base ai risultati del campo dovrebbero comporre la Serie D 2018/19:
Abruzzo:(7) Avezzano, L’Aquila (?), Francavilla 1927, REAL GIULIANOVA (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Abruzzo), Pineto, Vastese e Virtus San Nicolò.
Basilicata (3): Az Picerno, Francavilla e ROTONDA CALCIO (Neopromossa avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Basilicata).
Calabria (5): CASTROVILLARI (Neopromosso, avendo vinto una delle 7 finali dei Play off Nazionali d’Eccellenza), Cittanovese, LOCRI (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Calabria), Palmese e Roccella.
Campania (12): Cavese (?C), Frattese, Gelbison Vallo della Lucania, Gragnano, Herculaneum, Nocerina, Pomigliano, Portici, Sarnese, SAVOIA (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Campania Girone A), SORRENTO (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Campania Girone B) e Turris.
Emilia Romagna (13): AXYS ZOLA (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Emilia Romagna Girone A), Fiorenzuola, Forlì, Imolese (?C), Lentigione, Mezzolara, MODENA (radiato dopo la 12a giornata dalla Serie C Girone B), Romagna Centro, Sammaurese, Sasso Marconi, SANTARCANGELO (Retrocesso dopo aver perso il play out di Serie C Girone B), SAVIGNANESE (Neopromossa avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Emilia Romagna Girone B) e Vigor Carpaneto.
Friuli Venezia Giulia (3): CHIONS (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Friuli Venezia Giulia), CJarlinz Muzane e Tamai.
Lazio (14): Albalonga, Aprilia, Cassino, CITTA’ DI ANAGNI (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Lazio Girone B), LADISPOLI (Neopromosso, avendo vinto una delle 7 finali dei Play off Nazionali d’Eccellenza), Latina, Lupa Roma, Monterosi, Ostia Mare, RACING FONDI (Retrocessa dopo aver perso il play out di Serie C Girone C), Sff Atletico, Trastevere, Virtus Flaminia e VIS ARTENA (Neopromossa avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Lazio Girone A).
Liguria (6): FEZZANESE (Neopromossa avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Liguria), Lavagnese, Ligorna, Savona, Sestri Levante ed Unione Sanremo.
Lombardia (27): ADRENSE (Neopromossa avendo vinto Campionato d’Eccellenza Lombardia Girone C), Arconatese, Bustese, CALVINA (Neopromosso, avendo vinto una delle 7 finali dei Play off Nazionali d’Eccellenza), Caravaggio, Caronnese, CAVENAGO FANFULLA (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Lombardia Girone A), Ciliverghe Mazzano, Ciserano, Como (?C), Crema, Darfo Boario, Folgore Caratese, Inveruno, Lecco, Mantova, Olginatese, OltrepoVoghera, Pavia, Pergolettese, Ponte San Pietro Isola, Pro Sesto, Scanzorosciate, Seregno, SONDRIO (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Lombardia Girone B), VILLA D’ALME’ VALBREMBANA (Neopromossa, avendo vinto una delle 7 finali dei Play off Nazionali d’Eccellenza) e Virtus Bergamo.
Marche (5): Castelfidardo, Matelica, MONTEGIORGIO (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Marche), Recanatese e Sangiustese.
Molise (3): Campobasso, ISERNIA (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Molise) ed Olympia Agnonese.
Piemonte (7): Borgaro Nobis Torinese, Borgosesia, Bra, Casale, Chieri, PRO DONERO (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Piemonte e Valle d’Aosta Girone B) e STRESA SPORTIVA (Neopromossa avendo vinto Campionato d’Eccellenza Piemonte e Valle d’Aosta Girone A).
Puglia (7): Audace Cerignola, CITTA’ DI FASANO (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Puglia), Gravina, Nardò, OMNIA BITONTO (Neopromosso, avendo vinto una delle 7 finali dei Play off Nazionali d’Eccellenza), Taranto e Team Altamura.
Sardegna (5): Budoni, CASTIADAS (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Sardegna), Lanusei, Latte Dolce e TORRES (Neopromosso, avendo vinto una delle 7 finali dei Play off Nazionali d’Eccellenza).
Sicilia (9): Acireale, AKRAGAS (Retrocesso direttamente [per distacco superiore agli 8 punti dalla 16a] dalla Serie C Girone A , dove è giunto ultimo [19°]; ?), CITTA’ DI MESSINA (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Sicilia Girone B), Gela, Igea Virtus Barcellona, MARSALA (Neopromosso avendo vinto Campionato d’Eccellenza Sicilia Girone A), Messina, Sancataldese e Troina.
Toscana (17): AGLIANESE (Neopromossa avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Toscana Girone B), Aquila Montevarchi, GAVORRANO (Retrocesso dopo aver perso il play out di Serie C Girone A) , Ghivizzano Borgoamozzano, Massese, Pianese, Ponsacco, PRATO (?C; retrocesso direttamente [per distacco superiore agli 8 punti dalla 16a] dalla Serie C Girone A , dove è giunto ultimo [19°]), Real Forte Querceta, San Donato Tavarnelle, SAN GIMIGNANO (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Toscana Girone A), Sangiovannese, Scandicci, Seravezza Pozzi, SINALUNGHESE (Neopromossa, avendo vinto una delle 7 finali dei Play off Nazionali d’Eccellenza), Tuttocuoio e Viareggio.
Trentino Alto Adige (4): Levico Terme, SANKT GEORGEN (Neopromosso avendo vinto la Coppa Italia Dilettanti 2018), Trento e VIRTUS BOLZANO (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Trentino Alto Adige).
Umbria (3): BASTIA (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Umbria e la Coppa Italia Dilettanti), Sporting Trestina e Villabiagio (?).
Veneto (12): Adriese, Ambrosiana, Arzignano Valchiampo, Belluno, Campodarsego (vincitore Coppa Italia di Serie D 2018), CARTIGLIANO (Neopromosso avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Veneto Girone A), Clodiense, Delta Rovigo, Este, Legnago Salus, SANDONA'(Neopromossa avendo vinto il Campionato d’Eccellenza Veneto Girone B) ed Union Feltre.
Repubblica di San Marino (una): San Marino.

In MAIUSCOLO le squadre retrocesse (dalla Serie C) e quelle neopromosse (dall’Eccellenza).
?C= Le squadre che forse verranno ripescate in Serie C.
? = A rischio iscrizione.

COPPA ITALIA DI SERIE C (VINTA LA SCORSA STAGIONE DAL VENEZIA) 2017/18:

Le 10 squadre (Bisceglie, Catania, Monza, Pontedera, Prato, Ravenna, Reggina, Teramo, Triestina e Viterbese Castrense) vincitrici dei Gironi triangolari sono approdate alla Fase finale (ad eliminazione diretta) assieme alle 27 compagini (Albinoleffe, Alessandria, Arezzo, Bassano Virtus, Casertana, Cosenza, Feralpisalò, Giana Erminio, Gubbio, Juve Stabia, Lecce, Lucchese, Livorno, Matera, Padova, Piacenza, Paganese, Pordenone (giunto fino agli ottavi della Coppa Italia Tim dove è stato eliminato ai rigori dall’Inter), Pisa, Pro Piacenza, Reggiana, Renate, SAMBENEDETTESE, Siracusa, Trapani, Vicenza e Virtus Francavilla) che hanno partecipato alla Coppa Italia Tim organizzata dalla Lega Nazionale Professionisti di Serie A e Serie B.

CALENDARIO DATE FASE FINALE:

DATE
1° TURNO DI QUALIFICAZIONE*: 18 OTTOBRE 2017
2° TURNO (SEDICESIMI DI FINALE): 22 NOVEMBRE 2017
OTTAVI DI FINALE: 6 DICEMBRE 2017
QUARTI DI FINALE: 7 FEBBRAIO 2018
SEMIFINALI D’ANDATA: 21 FEBBRAIO 2018
SEMIFINALI DI RITORNO: 7 MARZO 2018
FINALE D’ANDATA: 11 APRILE 2018
FINALE DI RITORNO: 25 APRILE 2018

Risultati Quarti di finale in gara unica di mercoledì 7 febbraio 2018:

Alessandria-Renate (Gara giocata mercoledì 14 febbraio) 1-0 (15’Fischnaller. Al 93’espulso Emanuele Gatto dell’Alessandria per doppia ammonizione)
Pontedera-Padova 2-1 (3’Tofanari, 21’Raffini, 66’Eric Lanini [Pa])

Viterbese Castrense-Paganese (Gara giocata mercoledì 14 febbraio) 1-1 (14’Sini [V.C.], 95′ Cuppone [P]) D.T.S. e 4-3 D.C.R. Sequenza rigori: Cuppone (P) traversa, Mendez (V.C.) gol, Ngamba (P) gol, Vandeputte (V.C.) parato, Bensaja (P) gol, Sini (V.C.) gol, Cesaretti (P) gol, Benedetti (V.C.) gol, Giuseppe Maiorano (P) alto e Ngissah (V.C.) gol.
Lecce-Cosenza (Gara giocata mercoledì 14 febbraio e che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Sportitalia) 0-2 (61’Okereke, 68’Loviso)

D.T.S= Dopo Tempi Supplementari.
D.C.R.= Dopo Calci Rigore.

In neretto le squadre approdate alle semifinali.

Risultati semifinali d’andata di mercoledì 21 febbraio 2018:
Alessandria-Pontedera 0-0
Viterbese Castrense-Cosenza (Gara giocata martedì 6 marzo) 3-1 (6’autorete di Pascali, 33′ Jefferson, 41′ Bruccini [C ], 90’De Sousa su rigore. Espulsi entrambi nelle fila del Cosenza: al 13′ Mungo per proteste e comportamento offensivo verso l’arbitro conditi da espressione blasfema ed al 57′ Loviso per un bruttissimo fallo di gioco su Sanè)

Risultati semifinali di ritorno di mercoledì 7 marzo 2018:
Pontedera-Alessandria (Gara giocata martedì 6 marzo) 0-0 D.T.S. e 0-3 D.C.R. Sequenza Rigori: Caponi (P) parato, Pablo Andres Gonzalez (A) gol, Jonathan Rossini (P) parato, Felice Piccolo (A) gol, Pinzauti (P) parato e Fischnaller (A) gol.
Cosenza-Viterbese Castrense (Gara giocata mercoledì 14 marzo e che è stata trasmessa in diretta tv in chiaro su Sportitalia) 2-1 (31′ Tutino, 81’Calderini [V.C.], 89’Leonardo Perez)

D.T.S= Dopo Tempi Supplementari.
D.C.R.= Dopo Calci Rigore.

In neretto le 2 squadre approdate in finale.

Finale di mercoledì 11 (andata) e mercoledì 25 (ritorno) aprile 2018:
Viterbese Castrense-Alessandria (Gara che è stata trasmessa sia all’andata che al ritorno in diretta tv in chiaro su Rai Sport) 0-1 (40’Michele Marconi) ed 1-3 (11’Di Paolantonio [V.C.], 58’Michele Marconi su rigore, 61’e 79’Michele Marconi).
Alessandria (al 2° successo in questa manifestazione) guidata in panchina da Michele Marcolini succede nell’albo d’oro al Venezia vincendo Coppa Italia di Serie C 2018 e con questa affermazione si qualifica direttamente per la 3a Fase dei Play Off (1° Turno Nazionali) ai quali grazie al suo successo di Coppa ha partecipato (al 1° Turno) anche l’11a classificata del Girone A .

ALBO D’ORO COPPA ITALIA DI SERIE C (LEGA PRO):
1972/73: Alessandria; 1973/74: Monza; 1974/75: Monza; 1975/76: Lecce; 1976/77: Lecco 1977/78: Udinese; 1978/79: Siracusa; 1979/80: Padova; 1980/81: Arezzo; 1981/82: Lanerossi Vicenza; 1982/83: Carrarese; 1983/84: Fanfulla ; 1984/85: Casarano; 1985/86: Virescit Boccaleone ; 1986/87: Livorno ; 1987/88: Monza ; 1988/89: Cagliari; 1989/90: Lucchese; 1990/91: Monza; 1991/92: SAMBENEDETTESE; 1992/93:Palermo ; 1993/94: Triestina; 1994/95: Varese ; 1995/96: Empoli ; 1996/97: Como ; 1997/98: Alzano Virescit; 1998/99: Spal ; 1999/00: Pisa ; 2000/01: Prato; 2001/02: Albinoleffe; 2002/03: Brindisi ; 2003/04: Cesena; 2004/05: Spezia; 2005/06: Gallipoli ; 2006/07: Foggia; 2007/08: Bassano Virtus ; 2008/09: Sorrento; 2009/10: Lumezzane; 2010/11: Juve Stabia ; 2011/12: Spezia; 2012/13: Latina ; 2013/14: Salernitana; 2014/15: Cosenza ; 2015/16: Foggia; 2016/17: Venezia; 2017/18: Alessandria.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.131 volte, 1 oggi)