SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si tratta di uno degli argomenti di cronaca che più di altri colpisce l’opinione pubblica. I bambini lasciati in auto per qualche “amnesia” dei genitori che a volte si trasforma in tragedia. Quando succede è un colpo al cuore. Inevitabilmente.

Dall’anno prossimo San Benedetto cercherà di dare il suo contributo per cercare di evitare questi, seppur rari, casi di cronaca che ogni tanto compaiono in giro per l’Italia. E’ datata 12 giugno infatti una delibera di Giunta firmata in Viale De Gasperi con cui l’Amministrazione ha deciso di istituire il servizio “S.O.S. Bimbi a bordo”. Si tratta di un vero e proprio protocollo di sicurezza che prenderà il via dal prossimo anno scolastico e che sarà adottato nei servizi comunali aperti ai bambini da 0 a 3 anni, gli “asili nido” per intenderci.

Nella pratica il personale dell’asilo nido procederà a contattare al telefono i genitori del bambino assente nella struttura quella mattina, qualora l’assenza non sia stata tempestivamente comunicata. La “telefonata” servirà per appurare se il bambino è assente perché malato o per altro motivo e nel contempo  per scongiurare l’ipotesi che l’assenza sia dovuta a una tragica dimenticanza in auto.

Si tratta di una sperimentazione che è stata già annunciata a inizio giugno dal Sindaco Piunti, da cui parte l’idea, ai dirigenti scolastici e che, prima di essere adottata ufficialmente, avrà bisogno di un periodo di pubblicità volto a informare e a ottenere il consenso dei genitori che dovranno in ogni caso autorizzare l’intervento dell’educatrice.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.143 volte, 1 oggi)