ACQUAVIVA PICENA – “Pulita per la seconda volta, l’area dei moduli scolastici, con impegno diretto dell’amministrazione. Testimoniamo con le foto il lavoro svolto, prima che la memoria di qualcuno possa svanire nel nulla del pregiudizio”.

Affermazione del sindaco Pierpaolo Rosetti, in risposta alla recente polemica sollevata da Acquaviva Futura: “Aggiungiamo alcune precisazioni all’ennesimo articolo dell’opposizione, che non fa altro che confermare che pur di attaccare l’amministrazione Rosetti, è pronta a denigrare Acquaviva Picena.

1) in merito alla individuazione dell’area dove realizzare la nuova scuola, è stata fatta una assemblea pubblica, in cui l’opposizione formulò le proprie proposte con tanto di foto, individuando tra le varie aree, alcune in zone a rischio;

2) Ex Ospedale: la proposta avrebbe riportato solo 4 classi, quelle della secondaria;

3) nessuna collina è stata distrutta visto che i moduli e la futura scuola, insistono sull’area dove già era stato realizzato il campo in terra della castagna nei confronti del quale, l’opposizione non ha mai manifestato particolare interesse già dal progetto di riqualificazione degli impianti sportivi;

4) il finanziamento per la vecchia scuola è oggi sostituito con il finanziamento per la realizzazione della nuova scuola, non credo sia difficile capirlo;

5) abbiamo già risposto all’opposizione in consiglio che, prima di ogni decisione sul vecchio edificio, andrà avviata la verifica di interesse storico alla sovrintendenza;

6) non c’è alcun dissesto nell’area dei moduli, tenuto anche conto del fatto che nell’area indicata è stata realizzata la terra armata, la terra presente sul piazzale sovrastante verrà rimossa e sistemata la recinzione;

7) quanto al modello della scheda Aedes presente in Comune e riferita alla vecchia scuola, è quello che viene rilasciato dalle squadre di rilevatori al Comune”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.