SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Emozioni nel pomeriggio del 19 maggio.

Si è svolto il funerale a San Benedetto, nella chiesa di San Filippo Neri, di Vincenzo Napoli. Una sera di fine febbraio si persero le tracce del 39enne.

Erano scattate immediatamente le ricerche da parte dei familiari, amici e delle Forze dell’Ordine. Anche il programma “Chi l’Ha Visto?”, trasmissione Rai, aveva preso parte alla ricerca e lanciato appelli per il ritrovamento.

Dopo alcune segnalazioni giunte dall’Abruzzo e dal Piemonte, che facevano sperare in un esito positivo, purtroppo è giunto il ritrovamento di un cadavere, al porto di San Benedetto il 9 aprile, riemerso dalle acque. I parenti, da parte del vestiario e da qualche oggetto personale rinvenuto, avevano già riconosciuto Vincenzo. Il riconoscimento visivo del corpo non era stato possibile a causa delle condizioni martoriate.

La Procura ha deciso, quindi, per il test del Dna: a fine aprile dalla madre e dal padre è stata prelevata della saliva per l’esame. Ieri, 18 maggio, i risultati: il corpo appartiene a Vincenzo Napoli. Ora si attende l’esito dell’autopsia, effettuata ad aprile, per cercare di comprendere le cause del decesso. Purtroppo potrebbe non essere semplice arrivare ad una conclusione a causa dello stato del corpo.

Intanto, immediatamente, la Procura ha disposto la restituzione della salma alla famiglia per i funerali e per dare una degna sepoltura al 39enne.

Oggi tante persone (familiari, amici ma anche persone profondamente toccate dalla vicenda) si sono recate in chiesa per dare sollievo e vicinanza ai parenti e porgere l’ultimo saluto allo sfortunato Vincenzo, benvoluto da tutta la comunità.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.