ACQUAVIVA PICENA – “A circa 3 mesi dalla denuncia di Acquaviva Futura, il parco giochi è sempre lì, nel degrado e in uno stato di assoluto abbandono”.

Così si apre la nota del gruppo di minoranza che attacca duramente il primo cittadino, Pierpaolo Rosetti, del Borgo: “Ormai siamo abituati alle promesse mantenute dell’amministrazione Rosetti. Anche in questo caso hanno disatteso quanto detto e promesso durante il Consiglio Comunale del 16 marzo. Il parco è costato 9 mila euro un anno fa e realizzato in fretta e in furia solo per esigenze di campagna elettorale – si legge nel comunicato – Sindaco, attuali ed ex assessori, attuali ed ex consiglieri di maggioranza, inaugurarono il parco come una grande opera pubblica della quale andare fieri”.

“Ecco lo stato in cui versa oggi, con l’aggravante che non è mai stato usato da nessuno – afferma Acquaviva Futura – un classico esempio di spreco di soldi pubblici e di disinteresse per il paese. Scellerate le scelte di spendere 9 mila euro e di tagliare le uniche piante che potevano in futuro fare un pò di ombra. Scellerata la decisione di realizzare il parco in tale modo – dichiara il gruppo –  Anche in questo caso, durante il Consiglio Comunale ci siamo resi disponibili, come opposizione, ad un incontro con la maggioranza per trovare soluzioni condivise che possano andare incontro alle esigenze di tutti (come ripreso dal verbale del consiglio). Per l’ennesima volta la maggioranza ha deciso di andare avanti da sola. Basta accampare scuse”.

Acquaviva Futura conclude: “Secondo noi non è così, comunque ripetiamo l’invito a fare un passo indietro così da darci la possibilità di provare (sempre se gli acquavivani lo vorranno) – aggiunge – Il problema vero della maggioranza è la mancanza di idee, la mancanza di pianificazione e programmazione, l’incapacità di gestire bene i soldi pubblici. Speriamo che questa ennesima segnalazione sproni i consiglieri di maggioranza ad intervenire subito visti i soldi spesi”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.