SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La sede del Luna Park per l’estate 2018 è stata a lungo dibattuta nelle scorse settimane. A fine marzo, infatti, la giunta aveva aggiornato le aree idonee a ospitare i c.d. “spettacoli viaggianti”, inserendo nella lista ufficiale anche la “Piazza Rossa” dell’Agraria. Dalle informazioni che raccogliemmo allora c’era l’intenzione, o almeno un’idea, di spostare lì le giostre estive.

A quanto pare, però, il Luna Park non si sposterà dalla classica location di Viale dello Sport, che ormai da anni accoglie le attrazioni “viaggianti”. Da parte della politica locale non c’è ancora l’ufficialità ma a quanto pare i giostrai sono già stati informati della conferma. “Ormai è confermata la solita sede in viale dello Sport” ci dice uno di loro al telefono.

A quel punto chiediamo se l’idea di uno spostamento a Porto d’Ascoli sia mai stata una ipotesi concreta. “Se ne è parlato ma il problema è che lì si guadagna poco, ancora meno di quanto incassiamo in Viale dello Sport” commenta sempre il nostro giostraio. “Noi in realtà puntavamo alla piazza che sta di fronte al faro, in centro, ma per problemi col demanio lì ci è stato detto che non si può fare” continua. A questo punto potrebbero essere stati gli stessi proprietari delle attrazioni a storcere il naso all’ipotesi Agraria, per una questione di incassi.

Restano da capire, a questo punto, i motivi di una lunga indecisione. E una questione di cassa potrebbe essere ancora la spiegazione. L’area attigua al Palazzetto dello Sport, sebbene i giostrai si interfaccino in ogni caso col Comune, resta di proprietà di una impresa privata, la D.R.B. Srl. Un eventuale spostamento in un’area al 100% pubblica (come lo è la piazza dell’Agraria) avrebbe verosimilmente permesso a Viale de Gasperi di incassare la tassa di occupazione del suolo pubblico.

 

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.