SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb si chiude in silenzio stampa. Fino al post Albinoleffe? Non è detto visto che la società, in un comunicato diramato in mattinata parla di “tempo indeterminato”.

La decisione viene spiegata “col fine di tutelare i tesserati” ma ha una ragione più precisa: ” Tutto ciò si rende necessario a seguito delle continue notizie false, tendenziose e fuorvianti pubblicate ormai con sistematicità da parte della stampa locale e da diversi portali d’informazione online” scrive la società che dunque mira dritto alla stampa locale: “Sembra abbiano come unico obiettivo destabilizzare l’ambiente piuttosto che informare.”

Poi un j’accuse che ha come obiettivo chi farebbe satira sulla società: “In un momento cruciale della stagione della Sambenedettese calcio, infine, certa satira mina quotidianamente gli equilibri interni e rende un’immagine distorta di quella che è la realtà”.

I rossoblu dunque scelgono la via del silenzio, e non è la prima volta, per prepararsi all’importante gara contro l’Albinoleffe che vale mezzo secondo posto, ormai l’ultimo grande obiettivo della stagione. Una partita comunque non facile viste le assenze degli squalificati Marchi e Miracoli (ammoniti a Pordenone) oltre all’espulso Ceka per cui finisce qui la stagione regolare. Per non parlare di Capuano, pure lui cacciato dalla panchina contro i ramarri, che dovrà sistemarsi in tribuna.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.