SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nelle pagelle post Samb-Teramo non abbiamo incluso, per motivi di tempo, quella di mister Capuano, come facciamo di solito. Un lettore ce l’ha fatto notare e ci ha chiesto la nostra opinione. A nostro parere, Capuano merita un sette pieno per come ha impostato la partita.

Lo schema del 3-4-1-2 sembra al momento il più collaudato nella Samb, che finalmente riesce ad essere vincente e convincente in casa (per paradosso, proprio nel momento in cui in trasferta si inizia a rallentare). Molto dipende però dalla vena di Bellomo: giocatore in grado di cambiare volto a qualsiasi partita ma fino ad ora un po’ scostante. Meno adatto al 3-4-3 mentre può essere devastante nel ruolo di trequartista. Di fatto la Samb gira benissimo se Bellomo va bene, mentre si inceppa quando il barese va male. Certo in questo caso c’è l’alternativa Esposito, il quale ha doti vicine a quelle di Bellomo ma in una posizione offensiva e non mediana.

La Samb nata dal mercato di gennaio è una squadra completa, che dà garanzie nel trio difensivo – la difesa è la meno battuta del girone – ha un duo di mediani di rottura di grande affidabilità, brilla nel ruolo assegnato a Rapisarda e ha un parco offensivo completo come pochi nel girone. In questa organizzazione il ruolo di Bellomo e della seconda punta, specialmente se si tratta di Esposito, è fondamentale perché è da loro che può venire quel salto di qualità: dribbling, assist e quanto necessario per trasformare il cuneo dei maratoneti della mediana in una formazione in grado di dominare gli avversari.

In tutto questo, una domanda, a cui daremo risposta nei giorni a venire: cari tifosi sambenedettesi, siete convinti che questa squadra potrà lottare davvero per la Serie B già dai play off di maggio con la certezza eventuale che la stagione successiva, con pochi ritocchi, la Samb potrebbe partire davvero tra le grandi favorite, oppure questa possibilità, che negli ultimi 30 anni è accaduta soltanto due volte (2003 e 2005), viene valutata in maniera così remota come se fosse, in realtà, impossibile?

Ci credete o no?


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.282 volte)