SAN BENEDETTO DEL TRONTO – A San Benedetto del Tronto , il 15 marzo, si è svolta, presso l’I.I.S. “A. Capriotti” la giornata di formazione interregionale ( Marche – Abruzzo) per docenti EsaBac con la presenza della dott.ssa Gina Vitali e della dott.ssa  Di Emidio referente Esabac dell’USR Marche e di Madame Anne Darmouni, la delegata dell’ Institut Français Italia. La Dirigente Scolastica Elisa Vita ha avuto il piacere di accogliere gli autorevoli formatori e i numerosi docenti partecipanti, provenienti dalle due regioni, e ha delegato alla Prof.ssa Annamaria Longobardi, docente referente per l’istituto nonché formatrice Esabac, la supervisione dello svolgimento dei lavori.

La dott.ssa Di Emidio in apertura del seminario ha sottolineato che l’adesione sempre più significativa di licei italiani e francesi  al programma EsaBac testimonia non soltanto un simbolo dell’intesa tra l’Italia e la Francia, ma una scelta di qualità formativa attenta alla dimensione europea. Inserire nel curricolo scolastico un percorso bilingue triennale del secondo ciclo di istruzione che permette di conseguire simultaneamente il diploma di Esame di Stato e il  Baccalauréat, dà un valore aggiunto ai percorsi di studio offerti dai licei linguistici e rappresenta un’opportunità in più per entrare nel mondo del lavoro.

La qualità della proposta Esabac è “direttamente legata al livello della formazione dei docenti e alla fattiva  collaborazione dell’ Institut Français che ne ottimizza e ne garantisce la qualità” afferma la dott.ssa Di Emidio che ricorda inoltre ai presenti che l’USR ha, tra i suoi obiettivi prioritari,  la definizione ed organizzazione di percorsi formativi CLIL anche di lingua francese.

Madame  Annie Darmouni, dal canto suo, ha  auspicato la creazione di una rete di scuole con sezione Esabac nella regione Marche affinché le  Istituzioni scolastiche possano perseguire più agevolmente la finalità formativo-didattico curricolare e condividere i percorsi di ricerca-azione per promuovere la lingua francese e il plurilinguismo. La costituzione della rete regionale costituirebbe le condizioni per l’istituzione di un partenariato tra le Marche e una regione francese realizzando una cooperazione integrata tra i due paesi nell’ottica del principio della sussidiarietà transnazionale.

La prof.ssa A. Longobardi prima dell’avvio dei gruppi di lavoro ha voluto, ancora una volta,  sottolineare l’importanza dell’Esabac per la formazione umana e culturale degli allievi di cui, lei stessa, è testimone da molti anni: “un percorso di eccellenza che diventa un trampolino per il futuro degli allievi che ne beneficiano (accesso all’iscrizione ai corsi universitari in Francia, dimensione  internazionale della formazione, interessante prospettiva professionale sul mercato del lavoro italo-francese o francofono)”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.