SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La questione relativa ai fondi Cipe per il porto di San Benedetto fa discutere. Appena il 3%(CLICCA QUI) dei fondi per dragaggio e manutenzione sono andati a San Benedetto (115 mila euro su un totale di quasi 4 milioni andati a un totale di sei hub marittimi).

“Le ripartizione dei fondi Cipe per lo sviluppo e la coesione per le infrastrutture portuali marchigiane evidenza quanto scarsa sia nei fatti l’attenzione per il porto sambenedettese di cui si fa vanto il consigliere regionale Urbinati” morde il consigliere comunale di maggioranza Mario Ballatore.

“A fronte di 1 milione di euro per Fano, di 850mila euro per Senigallia, addirittura 929 mila per Numana, a San Benedetto è stata destinata la miseria di 115mila euro” prosegue Ballatore. “Invece di lanciare accuse senza fondamento all’Amministrazione comunale della sua città, il consigliere Urbinati farebbe bene a dedicare il suo tempo pagato dai cittadini per sostenere le istanze di una città che chiede almeno pari dignità rispetto a quel nord delle Marche così chiaramente privilegato dalle scelte del governo regionale di cui Urbinati è tra i più convinti sostenitori” chiude il membro di maggioranza.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.