MARTINSICURO – Il reddito di cittadinanza è già realtà a Martinsicuro. Lo ha reso noto l’assessore al Bilancio, Alduino Tommolini, a margine dell’ultimo consiglio comunale nel quale è stato approvato il bilancio di previsione.
Mentre a livello nazionale si attende la formazione del nuovo governo e si aspettano indicazioni sulle modalità di conseguimento del reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia dei penstastellati durante l’ultima tornata elettorale, gli amministratori truentini non hanno perso tempo e hanno ufficializzato quello che possiamo definire come “reddito di residenza”.
“Abbiamo anticipato il governo centrale – le parole di Tommolini – i cittadini di Martinsicuro potranno vedersi recapitare l’assegno già dopo Pasqua. Abbiamo infatti previsto uno speciale fondo in bilancio da destinare a tutti coloro che abbiano i requisiti necessari per accedervi. Anche le pratiche sono state snellite per rendere il tutto più rapido e veloce”.

Ma chi potrà accedervi?
“La precedenza a tutti coloro che potranno dimostrare di aver votato lo scorso giugno per la nostra coalizione – aggiunge il sindaco Massimo Vagnoni – Per il primo turno di voto si potrà ricevere la somma di 800 euro che potrebbe aumentare, dimostrando di aver confermato la preferenza anche nel turno di ballottaggio, per un totale di circa 1300 euro mensili”.
Una notizia che rallegrerà, sicuramente, tutti i sostenitori della coalizione Vagnoni Sindaco, ma destinata a sollevare polemiche da parte degli altri cittadini che in cabina avevano fatto altre scelte.

“Nessun problema – continua il sindaco di Martinsicuro – potranno ricevere l’assegno anche coloro che si dimostreranno seriamente pentiti di aver votato altre liste. Per questo abbiamo attivato un nuovo indirizzo email pentimenti@comune.martinsicuro.gov dove i cittadini potranno inviare un video con la dichiarazione di pentimento. Quelli che prevederanno metodi di autoflagellazione (gatto a 5 code, corone di spine, etc) avranno priorità”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.