GROTTAMMARE – Torna, a distanza di tre anni dall’ultima rievocazione, il corteo storico del Venerdì santo  più antico della zona. Venerdì 30 marzo, con inizio alle ore 21, la Solenne processione del “Cristo morto” percorrerà le vie del centro di Grottammare, proveniente dal paese alto, secondo un rituale che si tramanda dal 1738.

Il corteo, come allora, si radunerà in piazza Peretti, davanti alla chiesa di S. Giovanni Battista, e da qui scenderà verso la “marina”, percorrendola silenziosamente per circa due ore per poi tornare nuovamente al paese alto. Composta da circa 400 persone, che si tramandano di padre in figlio i ruoli assunti, la sfilata sarà animata esclusivamente dalle voci dei tre cori che scandiranno i momenti della passione di Gesù e dal suono di tamburi e chiarine.

L’itinerario di circa 2 km prevede l’attraversamento delle seguenti vie e piazze che saranno interdette al transito ordinario a partire dalle ore 18, fino al termine della manifestazione: partenza da Piazza Peretti alle ore 21, via Palmaroli, via Cagliata, via S. Agostino, piazza Garibaldi, attraversamento SS16, via Leopardi, via XX Settembre, viale Ballestra, via G. Marconi, via F.lli Cairoli, viale Sisto V, viale Crucioli, via Laureati, viale F.lli Rosselli (SS16), piazza Garibaldi, via Sant’Agostino, via Cagliata, via Palmaroli, piazza Peretti.

L’organizzazione del Cristo Morto è curata dalla Confraternita dell’Addolorata con la determinante collaborazione di vari uffici comunali: il servizio Cultura (per la logistica e l’espletamento delle pratiche necessarie sia alla concessione del contributo comunale, deliberato in 1800 euro, che alle comunicazioni agli enti per la sicurezza pubblica), il servizio SUAP (per gli adempimenti di legge in materia di pubblico intrattenimento), il servizio Manutenzione e Protezione civile (per preparare la città ad accogliere il corteo e prevedere la presenza di volontari durante lo svolgimento), il Corpo di Polizia locale (per la gestione della viabilità e l’assistenza durante lo svolgimento), il servizio Ambiente (per gli adempimenti di legge  in materia di impatto acustico e coordinare le attività di decoro urbano con la Picenambiente).


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.