CORROPOLI – Ferito da un fendente all’addome, viene trasportato d’urgenza in ospedale. La vicenda, che presenta ancora tanti aspetti da chiarire, si è consumata intorno all’una della notte di lunedì nella zona industriale di Corropoli. La vittima dell’accoltellamento è un cittadino cinese di 30 anni. L’uomo è stato trasportato da un’ambulanza del 118 al pronto soccorso dell’ospedale di Sant’Omero per una profonda ferita da taglio all’addome. Le sue condizioni sono apparse subito gravi ed è stato quindi trasferito d’urgenza al Mazzini di Teramo dove i medici lo hanno sottoposto a un delicato intervento chirurgico: la prognosi del giovane resta riservata e, da quanto si apprende da fonti mediche, non sarebbe in pericolo di vita. Le sue condizioni vengono monitorate costantemente.

Secondo una prima sommaria ricostruzione dei carabinieri di Corropoli e del radiomobile di Alba Adriatica, il 30enne, dopo essere stato ferito, probabilmente con un coltello, avrebbe chiesto aiuto a un familiare che ha avvisato immediatamente i soccorsi. Come detto, restano ancora da chiarire diversi aspetti di questa vicenda che avrebbe potuto avere conseguenze ancora più gravi: i militari stanno aspettando che le condizioni del giovane migliorino per poterlo interrogare e nel frattempo stanno ascoltando parenti e amici per cercare di far luce sull’accaduto.

L’ipotesi più accreditata, al momento, è quella di una banale lite finita nel sangue, anche se gli inquirenti non escludono altre piste. Intanto, si cerca nelle vicinanze l’arma con cui il 30enne è stato ferito: gli aggressori, prima di darsi alla fuga, potrebbero averla abbandonata nella zona. Indagini sono in corso anche all’interno della numerosa comunità cinese presente in Val Vibrata.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.