CUPRA MARITTIMA – Buone notizie giungono da Ancona.

Sono migliorate le condizioni di Antonietta Ficcadenti, la 58enne presa a sprangate dal fratello 56enne dopo una lite familiare nella casa di famiglia nelle campagne di Cupra Marittima il 10 marzo, scaturita da questioni economiche.

Lo stesso fratello, dopo l’accaduto, aveva allertato Forze dell’Ordine e soccorsi, convinto di aver ammazzato la sorella. La donna fu trasferita d’urgenza, in eliambulanza, al nosocomio anconetano in condizioni disperate.

In questi giorni i medici dell’ospedale di Torrette di Ancona, dove la donna è ricoverata, hanno sciolto la prognosi e disposto il trasferimento dalla rianimazione al reparto ospedaliero.

Il fratello si trova ancora nel carcere di Fermo con l’accusa di tentato omicidio.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.