SANT’OMERO – Topo d’appartamento arrestato in flagranza di reato a Sant’Omero. L’operazione è stata portata a termine dai carabinieri del radiomobile di Alba Adriatica dopo una breve attività investigativa. I militari, infatti, sulla scia di una serie di furti in alcuni appartamenti della Val Vibrata, avevano iniziato a seguire i movimenti di un 33enne di Corropoli, Andrea Cardelli, già noto alle forze dell’ordine. I carabinieri, grazie a pedinamenti e appostamenti, avevano capito in anticipo quale fosse il suo prossimo obiettivo: una villetta incustodita in una zona isolata di Sant’Omero. Così, per cercare di controllare e anticipare le mosse del 33enne, venerdì scorso i militari si sono appostati in zona. Poco dopo, a bordo di un’utilitaria, è arrivato il sospetto che, dopo aver scavalcato la recinzione, ha subito forzato la porta della cucina e si è introdotto all’interno dell’abitazione. Potendo agire indisturbato in quanto i proprietari della villa abitano altrove, è uscito prima con sei grosse pentole in rame portandole in auto, poi è rientrato nell’abitazione a prendere anche un decespugliatore. A quel punto, i carabinieri sono intervenuti arrestandolo. La refurtiva, del valore di circa 1000 euro, è stata recuperata e restituita ai proprietari. Il 33enne, dopo una notte in camera di sicurezza, è comparso sabato mattina davanti al giudice che ha disposto per lui la custodia cautelare in carcere.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 340 volte, 1 oggi)