MONTEPRANDONE – Per la salvezza serve un miracolo, e quel miracolo passa inevitabilmente per la prossima tappa. Sette partite alla fine: l’Handball Club Monteprandone, messa alle spalle la sosta, sabato 24 febbraio alle 18 ospita la Poggibonsese, che con 13 punti delimita (insieme a Carrara) la zona per la sopravvivenza del girone C di serie A2.

Monteprandone, penultimo a quota 6, chiede a se stesso e al pubblico del palazzetto di via Colle Gioioso, la spinta per tornare a quel successo che gli manca dal 9 dicembre scorso, è il 31-28 interno contro Bastia. Coach Andrea Vultaggio, che ha tutti a disposizione per la giornata numero 16 della stagione, sta comunque guardando al futuro, tanto che nell’ultimo turno, a Rubiera, ha dato spazio a molti giovani. Servirà anche e soprattutto il loro contributo per provare a dare un senso agli ultimi 2 mesi di campionato.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 65 volte, 1 oggi)