Di Alessandro Maria Bollettini

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Al termine di un incontro con alcuni imprenditori locali, a rappresentanza delle loro rinomate aziende, si è tenuta una conferenza stampa tesa a sottolineare i rapporti stabiliti tra il Comune di San Benedetto, e più in generale tutta l’area picena, e la Repubblica Moldova.

Sono stati ospitati infatti l’ambasciatrice moldova in Italia e il Console Italiano in Moldavia per discutere di come le due comunità possano dar vita ad un rapporto di collaborazione produttiva e turistica, come commenta il sindaco Pasqualino Piunti: “La Repubblica Moldova è un Paese amico che sarà una risorsa non solo a livello produttivo, ma anche a livello culturale e sociale; riteniamo che possa esserci un bel confronto tra esperienze che sarà un’occasione di crescita per entrambe le comunità.”

Ha preso poi la parola l’Ambasciatrice della Moldavia in Italia, Stela Stingaci: “Vogliamo ringraziare tutti per l’accoglienza, siamo venuti in questo bellissimo territorio che conosciamo già da un po’ di anni, grazie anche a Gino Sabatini e Roberto Galanti, il nostro console onorario per Marche e Abruzzo. Già da qualche anno stiamo cercando di creare un rapporto di amicizia tra i nostri territori e credo che ci siano tutti i presupposti per farlo con successo. Vogliamo estendere l’eccellente rapporto politico che abbiamo ai settori più importanti, quelli che danno garanzie alle imprese che vogliono collaborare con noi.

In Italia è presente tra l’altro una numerosa comunità moldava; molti moldavi sono presenti nelle Marche stesse e, a detta dell’Ambasciatrice, sicuramente anche nel nostro Comune.

È interventuo poi il Console Roberto Galanti: “Rappresento uno Stato a cui tengo molto ed a cui mi affeziono ogni giorno di più; stiamo cercando di creare le condizioni per una stabile sinergia tra i territori. Abbiamo puntato sul brand “Picenia”, che sta a rappresentare tutta la zona del Piceno, comprendente dunque anche il nord dell’Abruzzo. L’obiettivo è quello di valorizzare le eccellenze del territorio con un occhio al turismo, su cui la Moldavia punta molto.”

Il Console ha poi spiegato che il Consolato si trova ad Ascoli  Piceno per questioni di funzionalità, in quanto si trova esattamente al centro dell’antico Piceno di cui era infatti capitale prima che i Romani si impossessassero della zona.

La maggiore collaborazione tra imprese picene e Moldavia potrebbe instaurarsi nel settore della produzione vinicola, uno dei fiori all’occhiello del nostro territorio.

Anche in Moldavia la viticoltura è molto sviluppata tant’è che vi si sono traferiti molti italiani esperti del settore. Il Paese, come racconta il Console, ospita addirittura delle cantine sotterranee che superano i 120 km, ed è stato molto aiutato dalla fusione tra la cultura vinicola autoctona ed il “know-how” italiano.

Per il futuro si sta addirittura pensando ad uno scambio di colture, si tratterebbe di impiantare cioè in Italia dei vitigni moldavi e viceversa e filtra molto ottimismo per quanto riguarda questo tipo di collaborazione.

A chiudere la conferenza un intervento di Gino Sabatini, presidente della CNA Regionale, il quale ha svelato che l’obiettivo è quello di poter disporre a San Benedetto di un’idrosuperificie, in modo da agevolare gli scambi turistici con le struttre moldave e con i Balcani in generale . Ha aggiunto poi: “Qui ci sono aziende meravigliose, la qualità della vita è molto elevata come dimostrano i numerosi ultracentenari. C’è l’humus giusto per collaborare e per portare qui non solo turisti ma anche investitori stranieri.”

Notizia bomba poi quella finale, che preannuncia una probabilissima, quasi certa a quanto pare, esibizione delle Frecce Tricolore a San Benedetto durante la prossima stagione estiva. Sempre Sabatini ha affermato infatti: “Dobbiamo lavorare per portare sul territorio centinaia di migliaia di persone.”


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 513 volte, 1 oggi)