TERAMO – Diverso tempo fa un noto medico di Teramo subisce l’avaria del proprio veicolo mentre va in vacanza a Cortina.

I titolari di un’officina meccanica sedente in provincia di Treviso, che recuperano l’auto, raggirano il medico tanto da convincerlo a rottamare il veicolo perché la riparazione è antieconomica.

A distanza di giorni il medico si accorge che l’auto, contrariamente alla sua volontà, è stata commercializzata a favore di terzi e destinata al mercato europeo.  

La Squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Teramo, a seguito di denuncia/querela sporta dall’intestatario del veicolo, dopo laboriose indagini deferisce all’Autorità Giudiziaria quattro persone per i reati di falso e truffa.

E’ stato accertato che i conduttori dell’officina meccanica, con il concorso di titolari di un’Agenzia di Pratiche Auto, anch’essa sedente nel territorio trevigiano, avevano falsificato la documentazione apponendo anche false firme a nome del medico.

Tale illecita condotta permetteva ai soggetti un indebito profitto tratto dal ricavato della vendita dell’auto.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 938 volte, 1 oggi)