SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Il territorio appenninico delle regioni Lazio e Marche da tempo soffre di gravi carenze infrastrutturali ed economiche aggravatesi con i recenti eventi sismici. Lo spopolamento di questi territori, è ormai una realtà che si protrae dagli anni ’60, con l’emigrazione di massa verso la costa e le città più industrializzate”.

Così esordisce la nota diramata su Change.org per la raccolta firme a favore realizzazione della Ferrovia dei Due Mari (San Benedetto del Tronto-Roma). La raccolta sarà inoltrata a tutti gli enti interessati di Lazio, Marche e anche al Governo.

“Nel post-terremoto è ancor più chiaro il profilo di un territorio meraviglioso ma fragilissimo ed è evidente la necessità di nuove riflessioni, proposte ed idee che possano andare in parallelo alle risposte più immediate tipiche della fase emergenziale – si legge nel comunicato –  Non possiamo farci mancare una prospettiva ed una progettualità a lungo termine per non perdere di vista l’obiettivo: far rivivere questi luoghi”.

Gli organizzatori della raccolta affermano: “Quali motivazioni possiamo quindi dare alle persone fuggite, o alle nuove generazioni per ritornare nei borghi colpiti dal sisma? Eppure, Acquasanta Terme, Arquata del Tronto, Accumoli ed Antrodoco non sono mai stati paesi così sperduti: tutti si collocano lungo ad un’arteria stradale, tra le più antichissime, la Via Salaria, un passaggio obbligato per poter raggiungere la Capitale e la costa orientale – proseguono – Nonostante ciò, hanno sopportato fino ad oggi un costante declino, frutto di politiche nazionali che non hanno mai creduto nella montagna e in tutte le floride realtà che la costellano”.

“Ecco una delle possibili motivazioni – aggiungono – un treno per Roma ed un treno per l’Adriatico. Ripartire, riavvicinandosi.La parola d’ordine è dunque:rompere l’isolamento al quale sono stati relegati il reatino e l’entroterra ascolano nel rispetto delle loro bellezze paesaggistiche, naturali, storico ed artistiche. Come? Rispolverando il progetto antichissimo, ma sempre attuale della Ferrovia dei Due Mari, risalente già al 1841 ma mai realizzato a causa di ostacoli di vario genere (contrasti sul tracciato da adottare, dissidi campanilistici con altre regioni, ostacoli burocratici ed economici) ed abituale promessa elettorale irrealizzata”.

Nella nota viene affermato: “Oggi l’unico mezzo per raggiungere Roma o l’Adriatico è il trasporto privato su gomma con i costi ambientale ed economico che ne conseguono(vedi traforo del Gran Sasso): il treno è invece riconosciuto quale mezzo di trasporto tra i più sostenibili con un minor dispendio di tempo , impatto paesaggistico e quantità di emissioni di CO2 nell’atmosfera – si legge –  Ma ci pensate? Questo progetto era considerato come una spina dorsale per l’istituenda Italia Unita, di rilevanza strategica per un’intera Nazione, altro che sogno di troppa ambizione”.

Gli organizzatori concludono: “Noi ci riproviamo, ma questa volta si fa per davvero: il treno passa una volta sola”.

Per ulteriori informazioni e partecipare alla petizione, clicca qui.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 356 volte, 1 oggi)