GROTTAMMARE – Fino al 12 febbraio sarà possibile fare domanda per l’esercizio del voto a domicilio.

Il voto a domicilio consiste nella possibilità, data alle persone affette da gravissime infermità, di esercitare il diritto di voto, in tutte le consultazioni elettorali o referendarie, presso la propria abitazione o in un’altra abitazione, dove eventualmente dimorino per motivi di assistenza, anche se posta in Comune diverso da quello di iscrizione nelle liste elettorali.

Tale possibilità è riservata agli elettori affetti da infermità tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l’ausilio del servizio di trasporto messo a disposizione dal Comune.

Per esercitare il voto a domicilio è necessario far pervenire, entro la scadenza indicata, i seguenti documenti (all’ufficio Protocollo o direttamente allo sportello del servizio Elettorale):

  • una dichiarazione  in carta libera, attestante la volontà di esprimere il voto nell’abitazione in cui si dimora con relativo indirizzo;
  • un certificato, rilasciato dal funzionario medico, designato dai competenti organi dell’azienda sanitaria locale, in data non anteriore al quarantacinquesimo giorno antecedente la data della votazione, che attesti l’esistenza delle condizioni di infermità o delle condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali.

Verificata la regolarità della domanda, l’ufficio Elettorale predisporrà l’autorizzazione al voto domiciliare ed organizzerà la raccolta del voto da parte del Presidente del seggio designato.

Le elezioni del 4 marzo riguardano il rinnovo dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Sarà la prima applicazione del nuovo sistema di elezione approvato il 3 novembre 2017.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 67 volte, 1 oggi)