SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Più che una rifinitura quasi una maratona. I tempi d’altronde sono quelli. Due ore e mezza di allenamento per la Samb alla vigilia della sfida col Gubbio. C’erano da testare i nuovi acquisti, tutti regolarmente abili e arruolabili.”Dovevo provare diverse cose” spiegherà poi Capuano che domani, rispetto a Salò, avrà una grazia dall’infermeria e una mano dal mercato. Restano infatti fuori solo Aridità, Patti e Candellori e in panchina andrà un solo giovane della Berretti, ovvero l’attaccante Tirabassi.

“VOGLIAMO VINCERE”. Samb-Gubbio dicevamo. Una partita per riscattare l’ultima sconfitta e per regalare ai rossoblu il secondo posto in solitaria. “Mentirei se dicessi che non vogliamo vincere, il secondo posto sarebbe un regalo bellissimo per i ragazzi e questo ho cercato di trasmettergli in settimana”. E’ un Capuano determinato quello che si presenta davanti alla stampa. Ma sempre con le cinture, dialetticamente parlando, allacciate. “Quella col Gubbio resta una partita complessa come tutte quelle di questo girone – prosegue il mister – sono messi bene in campo, hanno linee corte e giocatori bravi a ripartire, come Casiraghi su tutti”.

GIOCA PERINA DAL 1′. Difficile però dire con che modulo la Samb partirà domani. “Abbiamo la conoscenza di diversi moduli” spiega Capuano “e sceglierò il più adatto nell’immediatezza della partita”. Quindi la sensazione è che si balli fra il centrocampo a 3 con Bacinovic, Bove e Gelonese (con Di Massimo o Esposito in appoggio a Miracoli) o uno a quattro che prevederebbe l’uscita di Bove dall’undici iniziale in favore, probabilmente, di Nicola Valente. Quel che è certo è che in porta giocherà il neo arrivato Pietro Perina (“Abbiamo preso un portiere esperto non per farlo stare in panchina, nonostante la stima che ho per Pegorin” spiega l’allenatore) mentre per Bellomo e Marchi ci potrebbe essere spazio nel corso della partita.

MERCATO. Il mister si sofferma poi sul mercato. E stuzzicato sulla possibilità di sopperire all’assenza di un’alternativa a Miracoli con un Di Massimo “falso nueve” risponde così: “Una punta di fisico credo che sia indispensabile per qualunque squadra in Europa, perché ti permette la variabilità delle giocate” spiega Capuano, a cui manca solo la lavagna. “Anche lo stesso Napoli” continua “gioca con Mertens in quella posizione perché non ha Milik e perché ha dei giocatori come Insigne e Callejon che gli permettono un certo tipo di gioco. A noi una punta servirebbe, anche perché non possiamo inventarci un gioco alla Napoli da un giorno all’altro”.

 

Le probabili formazioni:

 

Perina

Conson Miceli Di Pasquale

Rapisarda Bove Bacinovic Gelonese Tomi

Di Massimo (Esposito) Miracoli

Samb (3-5-2) All.: Ezio Capuano.

A Disp.: Pegorin, Mattia, Ceka, Marchi, Bellomo, Vallocchia, Tirabassi

 

Marchi

Casiraghi

Ciccone Sampietro Giacomarro Malaccari (De Silvestro)

Paramatti (Paolelli) Piccinni Burzigotti Kalombo

Volpe

Gubbio (4-4-1-1) All.: Dino Pagliari

 

 

 

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.885 volte, 1 oggi)