SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Acquisti ufficiali, Alessandro Marchi e Nicola Bellomo.

Si tratta dei centrocampisti ALESSANDRO MARCHI (28 anni) questa la sua carriera come riportata da wikipedia: (Aggiornamento Marchi ha firmato oggi alle 13 circa)

Cresciuto nel settore giovanile del Rimini, esordisce in prima squadra nel campionato cadetto il 19 marzo 2009 nel pareggio 1-1 contro il Livorno, collezionando in totale tre presenze nella stagione 2008-2009; la squadra a fine anno retrocede durante i playoff, ma il giocatore viene confermato per l’anno successivo in Lega Pro Prima Divisione dove colleziona 16 presenze.

A seguito del fallimento dei romagnoli si svincola, e viene acquistato dal Piacenza a parametro zero. Fa il suo debutto con i biancorossi nel secondo turno di Coppa Italia, vinto 5-3 contro la Virtus Lanciano. Partito inizialmente come rincalzo, guadagna il posto da titolare nella stagione 2010-2011, come mezzala destra. Il 23 ottobre 2010 nella vittoria 3-2 contro l’Atalanta segna la sua prima rete in carriera. A fine stagione totalizza 35 presenze e 3 reti. Riconfermato dopo la retrocessione, viene riconvertito da Francesco Monaco nel ruolo do terzino destro, e dopo la cessione di Tomas Guzmandiventa capitano della squadra. Nella sessione invernale del calciomercato viene acquistato in comproprietà dal Bologna, in cambio del prestito di Federico Rodríguez. Conclude comunque la stagione nel Piacenza, con cui disputa 30 partite di campionato e due nei play-out persi contro il Prato.

A seguito del fallimento del Piacenza diventa interamente di proprietà del Bologna, che lo gira in prestito per due stagioni in Lega Pro, al Frosinone con i quali totalizza 16 presenze ed una rete, nel pareggio casalingo per 2-2 contro la Paganese nel campionato di Prima Divisione e poi l’anno successivo al Catanzaro. Debutta con i calabresi il 18 agosto 2013 nella vittoria 2-1 contro la Vigor Lamezia valida per la prima giornata del girone P di Coppa Italia Lega Pro. Segna la sua prima rete con i giallorossi il 22 settembre successivo nella vittoria 2-1 sul campo del Lecce. A fine stagione totalizza 2 reti in 25 presenze in campionato più una presenza nei play-off.

Rientrato al Bologna e non rientrando nei piani tecnici dei felsinei, il 17 luglio 2014 viene acquistato a titolo definitivo dalla Cremonese, con cui debutta il 10 agosto successivo nella vittoria per 3-2 sul Cosenza valida per il primo turno di Coppa Italia. Segna la sua prima rete con i grigiorossi il 10 dicembre nella vittoria 3-1 in casa del Como. La stagione in riva al Po è positiva, tuttavia, al termine della stessa, rescinde il contratto e si trasferisce al Pavia. Debutta con i biancazzurri il 14 agosto 2015 nella vittoria 1-0 in casa del Bologna, valida per il terzo turno di Coppa Italia. La squadra termina il campionato in nona posizione, ma la società fallisce e il giocatore rimane nuovamente svincolato; nell’estate 2016 viene acquistato dal Livorno, appena retrocesso dalla Serie B. Debutta con i labronici il 29 luglio successivo nella sconfitta 3-1 in casa della Juve Stabia valida per il primo turno di Coppa Italia. Segna la sua prima rete con la maglia dei toscani il 20 novembre nella vittoria 3-1 contro il Pro Piacenza. Conclude la stagione con 37 presenze e 2 reti in campionato, una presenza in coppa Italia, una in coppa Italia Lega Pro e 5 nei play-off in cui il Livorno viene eliminato ai quarti di finale.

e NICOLA BELLOMO (26 anni), 14 presenze nell’Alessandria nel girone di andata e nessun gol. Alle 17 sarà a San Benedetto per le visite mediche.

Nato come centrocampista centrale, nelle ultime stagioni a Bari è stato spesso impiegato nel ruolo di trequartista. Destro di piede, ha una buona conclusione dalla distanza ed è anche un ottimo tiratore di calci piazzati[2]. Ha dichiarato di ispirarsi aMarco Verratti.

Cresce nel settore giovanile del Bari, con cui esordisce in Serie B al termine della stagione 2008-2009, il 16 maggio, contro il Modena, subentrando a Daniele De Vezze. Confermato in prima squadra anche per l’anno successivo, non scende mai in campo, disputando esclusivamente il campionato primavera.

Il 15 luglio 2010 è ufficiale il suo trasferimento in prestito secco alla Lucchese, ma dopo nemmeno un mese fa ritorno alBari, che il 9 agosto lo gira, sempre in prestito, al Barletta, in Lega Pro Prima Divisione. Dopo aver debuttato con la nuova maglia il 22 agosto 2010 contro la Lucchese, il 3 ottobre successivo mette a segno la prima doppietta in carriera nel match casalingo contro il Cosenza. A fine stagione totalizza in tutto 33 presenze e 6 reti.

L’anno seguente torna a Bari, che lo conferma in rosa per la Serie B 2011-2012, facendogli anche firmare il prolungamento di contratto fino al 2014. Dopo un inizio difficile, diviso solo tra panchine e tribune, l’11 dicembre 2011 segna il suo primo gol in Serie B nella trasferta vinta 3-1 contro il Brescia. A fine anno sono in tutto 16 le partite disputate, con due gol.

Il 27 agosto 2012 il Chievo Verona ne preleva la metà del cartellino, in cambio del trasferimento di Andrea De Falco al Bari. Il giocatore rimane, comunque, alla società pugliese anche per la stagione successiva, viene promosso titolare dall’allenatore Vincenzo Torrente, che lo schiera come trequartista. Il 25 settembre 2012 è grande protagonista nella vittoria per 2-1 contro la Pro Vercelli, in cui realizza prima un gol dalla lunga distanza e poi quello della vittoria, da calcio piazzato. Va ancora a segno per quattro volte in campionato, terminando la stagione con 35 presenze e 6 reti.

Il 3 luglio 2013 il Torino acquista la metà del cartellino di proprietà del Bari per 1,4 milioni. Il 17 agosto seguente debutta con la maglia granata nella partita di Coppa ItaliaTorino-Pescara (1-2). Il 25 settembre 2013 fa il suo esordio in serie A, in occasione del pareggio interno del Torino per 2-2 contro l’Hellas Verona. Il 20 ottobre segna il suo primo gol in carriera in Serie A, mettendo a segno il definitivo 3-3 nella partita contro l’Inter.

Dopo 8 partite giocate e un gol segnato in totale, il 29 gennaio 2014 passa in prestito allo Spezia in Serie B.

Mette a segno la sua prima marcatura in trasferta a Brescia il 22 marzo, siglando il 2-0 decisivo che mette al sicuro il risultato. L’11 aprile si ripete segnando, in trasferta a Cesena, la rete del 2-0 con un tiro ad effetto dal limite dell’area. Il 20 giugno 2014 il Chievo Verona riscatta il cartellino del giocatore.[16] Esordisce con la maglia gialloblu in Coppa Italiacontro il Pescara. In campionato fa la sua prima apparizione allo stadio San Siro contro il Milan. Il 9 novembre in occasione della partita in casa contro il Cesena regala un assist a Pellissier, il quale segna e regala la prima vittoria casalinga della stagione alla squadra gialloblu.

Il 29 gennaio 2015 il giocatore passa in prestito al Bari, tornando a vestire la maglia biancorossa dopo 2 anni.

Il 19 settembre 2015 firma per l’Ascoli in prestito per una stagione con diritto di riscatto.

Il 21 gennaio 2016 si trasferisce al Vicenza Calcio in prestito biennale,con la maglia dei berici colleziona nella prima stagione in Veneto 9 presenze. In estate viene riscattato dall’Ascoli e disputa nella stagione seguente con i biancorossi 40 gare andando a segno in 5 occasioni che però non bastano a salvare i vicentini dalla retrocessione in Serie C che avviene all’ultima giornata in casa contro lo Spezia.

Il 31 agosto 2017 l’Alessandria comunica il suo acquisto a titolo definitivo.

In Nazionale, dopo diverse convocazioni con l’Under-18, con cui però non riesce ad esordire, gioca il 22 settembre 2009 con l’Under-19 in una partita amichevole persa per 4-1 contro i pari età della Danimarca; il successivo 9 febbraio 2011 gioca invece con l’Under-20 in una partita persa per 3-1 contro i pari età della Germania. Nel mese di aprile 2013 viene convocato, insieme ai compagni di squadra Francesco Fedato e Stefano Sabelli, dal ct Devis Mangia per uno stage dell’under 21 in vista degli europei in Israele

A noi sembrano due buoni giocatori che risulteranno utili in mezzo al campo dove potranno aiutare i giovani a maturare. Non siamo in grado di confermarlo ma nemmeno di smentire un giudizio molto forte apparso sulle pagine locali del Resto del Carlino dove si fa cenno ad alcuni voci che riterrebbero Bellomo un ex calciatore, nonostante i suoi 27 anni. Sarà magari vero ma non ci sembra una buona carta di presentazione che potrebbe incidere sia sulle prestazioni del calciatore sia sui giudizi dei tifosi.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.989 volte, 1 oggi)