SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Essendo una corsa su base regionale, affermarsi per il Senato era più difficile. I nostri candidati si sono piazzati comunque bene” con queste parole il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Peppe Giorgini commenta i risultati delle Parlamentarie, che per quanto riguarda la corsa a Palazzo Madama, non avrà candidati piceni. Non ce l’hanno fatta, infatti, né Giorgio FedeMascha Parisciani, nomi sambenedettesi fuori dalla rosa a quattro e finiti nella lista “supplenti”, ottenendo, rispettivamente, il sesto e settimo risultato in termini di preferenze “virtuali” di Rousseau su base regionale.

I primi 4 in lista sono infatti la deputata uscente Donatella Agostinelli (di Jesi), l’ex consigliere comunale di Fabriano (dal 2012 al 2017) Sergio Romagnoli e due attivisti, rispettivamente legati a Fano e Civitanova, come Rossella Accotto e Fabio Bottiglieri. Davanti a Fede e Parisciani, prima dei “riservisti”, anche Valentina Parrucci, attivista di Tolentino.

Discorso diverso invece per quanto riguarda i candidati alla Camera, qui i 5 Stelle piazzano prima nel listino (ancora virtuale visto che si tratta dei risultati delle votazioni on line e non di candidature definitive n.d.r.) l’ascolana Rachele Silvestri seguita dall’attivista di Osimo Paolo Giuliodori. Nel secondo listino proporzionale su base regionale largo dunque alle sorprese, visto che a Nord l’altro listino ha visto affermarsi nelle prime posizioni due deputati uscenti come Andrea Cecconi e Patrizia Terzoni. “Il nome dell’ascolana Silvestri è un risultato storico per il Movimento piceno di cui siamo orgogliosi” commenta sempre Giorgini.

ANCORA UNA DELUSIONE PER I 5 STELLE DI SAN BENEDETTO. E San Benedetto? Dopo la vicenda legata al simbolo non concesso alle amministrative 2016, per i “grillini” in Riviera il risultato di ieri sembra un’altra delusione, visto che non c’è nessun candidato legato alla città fra i 12 usciti fuori dal “cervellone” Rousseau (gli altri due in lista Camera, Matalucci e Andrenacci, sono legati ad Ascoli e Fermo n.d.r.). Una situazione che il consigliere regionale si spiega così: “A San Benedetto ci sono pochi giovani che si interessano alla politica, ad Ascoli è diverso. Tutto si rinnova – continua Giorgini – d’altronde il darwinismo vale pure per gli uomini, non solo per piante e animali” la battuta del grillino.

IL PESO DELLE NUOVE REGOLE. Dunque la San Benedetto grillina aveva chances solo al Senato, dove, a sentire il consigliere non è andata neanche così male. Per le candidature alla Camera, invece, il risultato della Silvestri si può spiegare con l’assenza di deputati uscenti nel collegio Sud e con le nuove regole varate dal Movimento a fine anno, regole che mandavano gli over 40 obbligatoriamente a concorrere solo e soltanto per l’affollata corsa al Senato. “Sono d’accordo con queste scelte” commenta ancora Giorgini a Riviera Oggi “i sondaggi ci danno avanti sia al Pd che a Forza Italia fra i giovani tra i 18 e il 24 anni, quindi candidare giovani e candidare donne è stata una scelta giusta.”

I CANDIDATI NEGLI UNINOMINALI. All’appello, adesso, mancano le sei candidature per i collegi uninominali regionali che portano alla Camera e le tre per quelli che conducono al Senato. Scelte che verranno fatte senza internet stavolta, ma direttamente da Milano e dallo staff di Luigi Di Maio. Manca poco ormai visto che le candidature potranno essere presentate dalla mattina del 28 fino al termine ultimo delle ore 20 del 29 gennaio.

 

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.760 volte, 1 oggi)