TERAMO – Sono 161 le aziende dell’area di crisi complessa Val Vibrata-Valle del Tronto-Piceno che hanno presentato progetti per accedere ai fondi della Regione Abruzzo e ottenere una compartecipazione pubblica del 50%.

Tredici sono poi le imprese che hanno presentato programmi di investimento superiori a 1,5 mln di euro partecipando al bando di Invitalia che dispone di 15 milioni messi a disposizione dal Governo. Con i 13 progetti del bando Invitalia si sviluppa un investimento di 50 milioni. Per questi progetti (aratterizzati da innovazione di processo e prodotto, marketing, formazione) la ricaduta occupazionale può essere importante e qualificata.

Un motivo di soddisfazione per Provincia di Teramo e Regione Abruzzo che dal 2015 hanno lavorato per il riconoscimento dell’area di crisi complessa. I Comuni dell’area Vibrata: Ancarano, Civitella del Tronto, Sant’Egidio alla Vibrata, Valle Castellana, Alba Adriatica, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Nereto, Sant’Omero, Torano Nuovo, Tortoreto e Martinsicuro.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 287 volte, 1 oggi)