SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Manca sempre meno alla data del 4 marzo e la campagna elettorale in vista del voto è praticamente partita mentre le principali forze politiche si stanno orientando verso le candidature nel nostro territorio.

Le Marche, come noto, eleggeranno 24 parlamentari, 16 deputati e 8 senatori che si sfideranno in tre listini proporzionali (due per la Camera e uno per il Senato) e nove collegi uninominali (tre per il Senato e sei per la Camera). A livello locale, in particolare, c’è interesse per capire quali nomi verranno spesi nelle sfide territoriali e, in questo senso, uno dei campi di battaglia più interessanti può considerarsi il collegio uninominale che conduce a Palazzo Madama. Alcune previsioni danno il Movimento 5 Stelle in vantaggio, seppur di pochi punti percentuali, ma i “grillini” inseriranno i loro nomi più forti a livello locale (Giorgio Fede e Masha Parisciani) in cima alla lista nel proporzionale e, dunque, le altre forze politiche starebbero pensando a nomi di un certo peso per contendere il collegio ai pentastellati.

LE CANDIDATURE PD. Il Pd In questo senso, farà un punto sulle candidature con la direzione nazionale domani, 16 gennaio. La direzione provinciale, invece riunirà tutti i circoli del territorio piceno giovedì 18 alle 21 e in contemporanea ci sarà anche una consultazione regionale. Stando ad alcune indiscrezioni, i democratici potrebbero puntare, proprio nell’uninominale per il Senato, sull’affidabilità di un nome come quello di Pietro Colonnella, presidente della Provincia dal ’95 al 2004 e Sottosegretario di Stato del Dipartimento degli Affari Regionali col Governo Prodi (2006-2008). L’altro nome sambenedettese, quello di Margherita Sorge, dovrebbe a questo punto essere “giocato” per la Camera dei Deputati. Resta da capire se l’ex assessore avrà possibilità di essere inserita nel listino proporzionale (nomi nazionali, qui, potrebbero essere un ostacolo) o sarà il nome dei democratici per l’uninominale.

E UNO SGUARDO A FORZA ITALIA. Sempre il 18 gennaio, ma qualche ora prima, si riunirà invece ad Ancona (alle ore 16) il coordinamento regionale di Forza Italia (nessun passaggio provinciale in questo caso). Per quanto riguarda il centrodestra, invece, i listini proporzionali sembrano già chiusi. Almeno per quanto riguarda le pole-position che assicurano un posto, rispettivamente, in Senato e alla Camera. Nel primo caso in alto nel “listone” regionale dovrebbe andare Remigio Ceroni, coordinatore regionale del partito dal 2009.

Nel listino proporzionale per la Camera riferito al Sud delle Marche, invece, un posto “sicuro” dovrebbe essere riservato al vicepresidente della Camera Simone Baldelli, romano di nascita ma legato a Porto San Giorgio ed eletto nel Sud delle Marche anche nel 2013. La situazione così delineata, potrebbe portare alla candidatura di Piero Celani nel collegio uninominale per il Senato (che andrebbe a sfidare Pietro Colonnella) mentre c’è da capire quale nome potrebbe spendere Forza Italia per il collegio alla Camera. E, a meno di colpi di scena giovedì, potrebbe anche essere un nome preso al di fuori del territorio.

 

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.680 volte, 1 oggi)