MARTINSICURO – I carabinieri della stazione di Martinsicuro, diretti dal luogotenente, Antonio Romano, hanno rintracciato e tratto in arresto, in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Fermo,  Giuliano Corsi, 74enne, residente a Martinsicuro.

L’uomo è stato riconosciuto colpevole del reato di tentato omicidio, commesso ad Altidona il 14 gennaio 2008, quando sferrò alcuni fendenti con un cacciavite contro la sua ex convivente, una donna di 65 anni residente nella cittadina marchigiana.

Corsi dovrà ora espiare una pena detentiva di 3 anni e due mesi e, dopo le formalità di rito, è stato trasferito nel carcere teramano di Castrogno.

Sempre a Martinsicuro, i carabinieri hanno rintracciato e tratto in arresto, in due distinte operazioni, in esecuzione di altrettanti provvedimenti di detenzione domiciliare, emessi dal Tribunale di sorveglianza di Ancona, A.D.G, 33enne, del posto, che dovrà espiare la pena detentiva residua di 6 mesi di reclusione, perché riconosciuto colpevole dei reati ricettazione, tentata estorsione, lesioni personali aggravate e guida senza patente, commessi nelle Marche tra il 2005 ed il 2015.

Ai domiciliari è finito anche A.S 37enne, del posto, riconosciuto colpevole del reato di violazione degli obblighi dell’assistenza familiare ai danni dell’ex moglie. Per lui pena di due mesi.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.

(Letto 346 volte, 1 oggi)