TERAMO – Controlli nella villa comunale, la polizia arresta un giovane pusher. E’ finito in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti R.G.B, 22 anni, residente ad Alba Adriatica. Il giovane si trovava all’interno della villa comunale di piazza Garibaldi, a Teramo, e alla vista degli agenti ha subito mostrato segni di insofferenza tentando, invano, di dileguarsi. Fermato, è stato subito perquisito: addosso aveva 20 grammi di hashish, già suddivisi in dosi e tenuti nascosti dentro uno zainetto. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire, oltre a un bilancino di precisione e a materiale vario per il confezionamento, altri 80 grammi di hashish e 15 grammi di marijuana. Lo stupefacente, che è stato posto sotto sequestro, era occultato dentro una scatola di scarpe trovata all’interno della camera da letto del 22enne. Il giovane pusher, dopo le formalità di rito, è stato messo agli arresti domiciliari in attesa del processo direttissimo.
L’operazione è stata condotta dalla volante di Teramo e dagli uomini del reparto anticrimine di Pescara e rientra all’interno di mirati controlli disposti dalla questura nelle zone più problematiche della città. Proprio la villa comunale è diventata, negli ultimi tempi, una frequentatissima piazza di spaccio, meta di tantissimi tossicodipendenti e spacciatori spesso provenienti anche dalle città vicine.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 392 volte, 1 oggi)