GROTTAMMARE – È la splendida location del ristorante di pesce “Attico sul mare” di Grottammare ad accogliere la cena di fine anno del CrossFit San Benedetto del Tronto, il box aperto un anno e mezzo fa da Bernard Luzi e ora guidato dallo stesso Bernard insieme a Daniele Perozzi: “È l’unico centro certificato di tutto il Piceno e ci sono classi la mattina, all’ora di pranzo e la sera – ci aveva detto Luzi durante un’intervista – Ognuno decide quanti giorni alla settimana allenarsi. In ogni classe ci sono al massimo quindici persone, così possiamo seguirle tutte, adattando gli esercizi alle esigenze e alle capacità di ciascuno. C’è un’applicazione per prenotare le lezioni e per sapere chi altro parteciperà alla classe. Oltre a ciò, abbiamo la sezione dei ‘competitor’, cioè di coloro che partecipano alle gare”.

Dall’entusiasmo respirato durante la cena si percepiva come i clienti siano realmente soddisfatti dal servizio offerto dal CrossFit San Benedetto del Tronto, perché apre a tutti le porte di questa disciplina, nessuno escluso, e la insegna con passione, dedizione e competenza, mettendo le persone davanti ai propri limiti e spingendole a superarli. Del resto, il CrossFit è uno sport che combina diversi elementi e il risultato finale non può che essere avvincente: “Il CrossFit è una disciplina che nasce nelle palestre dall’unione di tre specialità: sollevamento pesi, ginnastica ed endurance. Per endurance si intende tutto ciò che è monostrutturato, come corsa, nuoto, ciclismo, quindi sport che riescono a portarti costantemente ai limiti del lattato e della resistenza aerobica. Dopodiché c’è la ginnastica, sia di base che evoluta. La ginnastica di base è il corpo libero, l’altra è costituita dalle evoluzioni che si fanno alla sbarra. Infine ci sono le alzate con i bilancieri, quelle che si vedono alle Olimpiadi”.

La ciliegina sulla torta quest’anno è stata la partecipazione di Bernard Luzi ai Reebok CrossFit Games, i Giochi olimpici del CrossFit, la competizione a cui ogni atleta punta, nonostante sia estremamente difficile qualificarsi. Bernard è riuscito nell’impresa ed è volato a Madison, Wisconsin, Stati Uniti, dove dal 3 al 6 agosto ha sfidato i suoi avversari nella gara che ha deciso chi è “the Fittest on Earth”. Un problema alla spalla, dovuto ad una caduta in bici prima di partire, lo ha costretto al ritiro, ma è stata comunque un’esperienza indimenticabile, che ha arricchito notevolmente il curriculum dell’owner del CrossFit San Benedetto del Tronto, con l’augurio di spostare l’asticella ancora un po’ più in alto il prossimo anno.

 

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.013 volte, 1 oggi)