TERAMO – Nel corso della giornata del 27 dicembre personale del  Commissariato di Atri, in occasione di servizio dedicato al contrasto dei fenomeni dell’accattonaggio e abusivismo, ha rintracciato e sottoposto a controllo alcuni stranieri dediti all’accattonaggio in Silvi e in Atri.

Per due di loro, un nigeriano di 28 anni e un senegalese di 19 anni è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria per reati in materia di immigrazione, essendo entrambi sprovvisti di documento identificativo e di permesso di soggiorno, mentre  un terzo cittadino extracomunitario è stato sanzionato ai sensi del Codice della Strada in quanto sorpreso a svolgere abusivamente la professione di parcheggiatore davanti all’Ospedale di Atri.  

Gli agenti del Commissariato, infatti, in servizio in abiti civili, dopo aver osservato più volte il soggetto mentre dirigeva le manovre per gli utenti del Nosocomio, che giungevano in loco per sottoporsi a visite o accompagnare familiari, procedevano alla contestazione nei confronti del cittadino extracomunitario, in regola con il permesso di soggiorno, della violazione prevista dal Codice della Strada, comminandogli la sanzione amministrativa di circa 700 euro.

Successivamente, il medesimo, residente in Sassari, veniva raggiunto dal foglio di via obbligatorio emesso nella stessa giornata dal Questore di Teramo con termine 5 giorni per raggiungere la propria residenza e con annesso divieto  di ritorno nel Comune di Atri per tre anni.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 521 volte, 1 oggi)