SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ una Samb che non conosce feste, neppure di Natale, quella di Capuano che si prepara alla sfida di venerdì sera contro la Fermana. Dopo un 25 dicembre passato sui campi di allenamento a sudare, anziché in famiglia a tagliare panettoni, i rossoblu replicano anche a Santo Stefano con un’amichevole pomeridiana contro i ragazzi della Berretti, superati per 7 a 0.

Senza Patti, alle prese ancora con il problema al soleo che gli ha fatto saltare la sfida contro la Triestina, la Samb ritrova Vincenzo Aridità, che dovrebbe riprendersi il suo posto fra i pali venerdì, ma freme un po’ per Luca Miracoli che oggi non è sceso in campo coi compagni a causa di un leggero virus intestinale che in ogni caso non dovrebbe pregiudicare il suo impiego contro i canarini. Anche perché mister Capuano avrà già due defezioni importanti in formazione, viste le assenze del già citato Patti e dello squalificato Mirko Miceli, una situazione che aprirà sicuramente  le porte a Mattia e Di Pasquale.

Per la cronaca, al campo Europa finisce 7 a 0 per la Samb “dei grandi” che, in verità, nel primo tempo è apparsa abbastanza sulle gambe come testimonia anche il risultato, “soltanto” di 1 a 0 ottenuto su rigore con Di Massimo, pure lui tornato a disposizione dopo il doppio turno di squalifica scontato a seguito del rosso rimediato contro il Pordenone. Nella ripresa invece i rossoblu dilagano e il risultato è fissato da Vallocchia, addirittura con una tripletta, da un altro gol di Di Massimo e dalle reti di Candellori ed Esposito.

E’ una Samb che lavora senza soste dunque, per cercare di superare le defezioni e presentarsi al meglio alla sfida con i cugini fermani, con i rossoblu vogliosi di riscattare la beffarda sconfitta di inizio campionato, avvenuta in due surreali partite.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 847 volte, 1 oggi)