CIVITANOVA MARCHE – Era un 35enne tunisino l’uomo morto oggi, 20 dicembre, dopo essere stato travolto poco prima delle 6 di stamane da un Frecciarossa nei pressi della stazione ferroviaria di Civitanova Marche. Non aveva documenti ed è stato identificato dalle impronte digitali: è risultato che era noto con diversi alias e che viveva di espedienti. Per conoscere il suo vero nome è stata contatta l’Ambasciata tunisina in Italia.

In un primo momento si era ipotizzato un suicidio, ma poi il macchinista del treno ha raccontato di averlo visto correre sui binari e di avere fatto una brusca frenata, senza però riuscire ed evitare l’investimento.

“Quanto ai motivi di questa corsa lungo i binari, l’uomo potrebbe avere tentato un furto su un’auto in sosta nei pressi di un albergo della zona, risultata forzata e con un vetro rotto, ed essere stato messo in fuga dall’arrivo di qualcuno” secondo alcune testimonianze.

Lungo la linea, rimasta bloccata per qualche ora, si sono accumulati vari ritardi e 7 treni regionali sono stati cancellati.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.158 volte, 1 oggi)