MONTEPRANDONE – Un Natale all’insegna della gentilezza, da esportare a scuola come una normale materia di studi. E’ questo il programma “natalizio” dell’Asd “C’era una volta” che dal 18 al 22 dicembre propone una serie di eventi (proiezioni, laboratori creativi e di teatro)  rivolti agli alunni delle scuole primarie “perché la scuola è il luogo di formazione per eccellenza del bambino di oggi ma anche dell’uomo di domani” ripetono come uno slogan le fondatrici dell’associazione monteprandonese Clelia Spotorno e Linda Quinzi.

La gentilezza come simbolo di una società più sana e nuova, costruita alla base delle nuove generazioni, questo l’ambizioso proposito di “C’era una volta” che presenta il suo programma-evento “Un soffio gentile”, il cui simbolo è la piantina del “soffione”, così chiamata perché i suoi semi si disperdono nell’aria con un piccolo soffio. Lo stesso intento di C’era una volta: “insegnare la gentilezza partendo dai piccoli gesti per poi, come un seme, crescere dentro gli individui per arrivare ad una società Gentile” spiega la presidente Clelia Spotorno.

E quindi il programma “natalizio” partirà con una serie di attività proposto direttamente a scuola quali:

1. RACCONTO DELLA STORIA “Il soffione gentile”: ilracconto di una storia di immediata comprensione sul soffione,attraverso l’uso di materiali esclusivi e ideati dall’associazione che stimolano la sensorialità come canale privilegiato per la comprensione immediata e intuitiva di nozioni e concetti.

2. ATTIVITA’ SPORTIVA CON I GIOCHI DEL CUORE:volta alla trasmissione dell’approccio gentile attraverso giochi di movimento e attività ludico-motorie;

3. ATTIVITA’ CREATIVA: Preparazione dell’evento finale.

A chiusura del percorso infatti ci sarà una grande giornata finale.Che consiste in un percorso emotivo e fisico e si svolgerà nei locali comunali, utilizzando contemporaneamente la Sala Consiliare, la Biblioteca e l’Auditorium del Comune di Monteprandone. Si tratta di un percorso itinerante che da la possibilità allo spettatore di muoversi liberamente tra le location coinvolte per osservare e vivere ciò che viene proposto loro di volta in volta.

Nella Sala Consiliare verrà raccontata dai bambini la Storia del Soffione, attraverso musiche, narrazione e canti. “Si tratta di una storia di immediata comprensione, ma con un messaggio di solidarietà importante” spiegano Linda e Clelia. Nella Biblioteca verrà invece allestita una mostra dei lavori svolti dai bambini durante il percorso proposto da C’era una Volta e poi nell’Auditorium verrà proiettato un video sul tema proposto, la gentilezza, nella cui realizzazione verranno coinvolti i bambini e le insegnanti.

Le classi si susseguiranno per cinque giorni consecutivi, alternandosi di volta in volta, in base all’orario scolastico. Il 18 dicembre e il 21 dicembre poi,  ci saranno nella biblioteca di Giovarti dei laboratori aperti a tutti.

L’evento è stato patrocinato anche dalla Regione Marche, rappresentata, durante la presentazione, dal consigliere Fabio Urbinati. Importante, poi, il contributo di casa, del sindaco Stefano Stracci, del vice Sergio Loggi e Daniela Morelli e della Dirigente dell’Isc Allegretti di Monteprandone Francesca Fraticelli “a cui abbiamo consegnato il pensiero per aver contribuito con “Un soffio Gentile” a diffondere i fondamenti della Gentilezza tra i docenti e gli alunni dell’istituto” ringraziano a gran voce le due responsabili dell’associazione.

In gallery il calendario degli eventi di “Un soffio gentile”

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 753 volte, 1 oggi)