GROTTAMMARE-Autentica stangata quella piovuta sulla testa del tecnico del Grottammare calcio Manolo Manoni dopo i fatti accaduti al 90’della gara interna di domenica scorsa contro l’Ilario Lorenzini Barbara. Il tecnico jesino si è visto comminare una squalifica di quasi due mesi, fino al 5 febbraio 2018 “per aver spintonato e colpito – si legge nel comunicato del comitato Regionale Marche di LND– con pugni l’allenatore della squadra avversaria (Lorenzo Ciattaglia) e per aver colpito al braccio con un pugno un calciatore avversario, senza causare conseguenze. Per aver inoltre a fine gara tenuto un atteggiamento intimidatorio sempre nei confronti dell’allenatore avversario”.

Decisamente amareggiato, ma anche battagliero, il tecnico biancoceleste che non accetta assolutamente questo verdetto in quanto lo mette in cattiva luce non tanto come allenatore ma come persona: “Sicuramente farò ricorso contro questa squalifica – attacca Manoni – perché nel comunicato si parla di pugni da me dati a tecnico e calciatore avversario quando non è assolutamente vero. Sono in possesso di immagini che dimostrano che ciò che dico. Impugnerò il referto del direttore di gara per leggere attentamente cosa ha scritto”.

ACCUSE INFAMANTI: “Mi scoccia passare come violento ma non tanto come allenatore ma come persona. Mi sento infamato da queste cose e sono decisamente avvelenato soprattutto perché fa cattiva pubblicità alla mia persona anche davanti a mia moglie e ai miei figli”.

LE SCUSE: “Io già dopo il termine della gara mi sono scusato a nome di tutti per quello che le persone hanno visto e che non si dovrebbe fare su un campo di calcio. Non è assolutamente giustificabile quello che è avvenuto”.

L’ARBITRO: “Io non mi sono mai lamentato degli arbitri ma io credo che non si possa inviare a dirigere una gara di Eccellenza, dove i punti sono pesanti, un direttore di gara con poca esperienza anche in Promozione”.

E CONCLUDE. “Forse quello che mi rimprovero è quello di essere entrato in campo col gioco attivo per evitare che Iovannisci potesse fare qualche sciocchezza ma l’ho fatto per allontanare il mio giocatore da provocazioni”.

ECCELLENZA MARCHE

Programma della 15a ed ultima giornata d’andata di domenica 17 dicembre 2017 ore 14:30:
Atletico Alma Fano-Grottammare sarà diretta da: Serafino Marchei di Ascoli Piceno, coadiuvato da: Andrea Leopizzi e Stefano Principi, entrambi di Ancona
Camerano-Atletico Porto Sant’Elpidio (Anticipo di sabato 16 dicembre)
Ilario Lorenzini Barbara-Ciabbino
Loreto-Atletico Gallo Colbordolo (Anticipo di sabato 16 dicembre)
Marina-Tolentino (Anticipo di sabato 16 dicembre)
Montegiorgio-Forsempronese
Pergolese-Urbania
Porto d’Ascoli-Biagio Nazzaro (Anticipo di sabato 16 dicembre; sarà diretta da: Kristian Ubaldi di Fermo, coadiuvato dagli assistenti: Alessandro Donati di Macerata e Simone Tidei, anch’egli di Fermo)

L’ultima volta che Atletico Alma e Grottammare si sono affrontate in Campionato al Comunale Bellocchi di Fano [Pesaro-Urbino] risale alla stagione 2014/15 sempre in Eccellenza Marche e finì 1-1 (18’Dion Michael Gibbs [G], 38’Francesco Giorgini [A.A.]. Espulsi entrambi per proteste: al 68’ il tecnico dell’Atletico Alma Baldarelli ed all’84 quello del Grottammare Luigi Zaini).

CLASSIFICA:
Montegiorgio 34,
Atletico Gallo Colbordolo 26,
Urbania 24,
Forsempronese 24,
Grottammare 24,
Atletico Alma Fano 22,
Porto d’Ascoli 21,
Marina 19,
Biagio Nazzaro Chiaravalle 19,
Tolentino 17,
Camerano 16,
Ilario Lorenzini Barbara 15,
Pergolese 12,
Atletico Porto Sant’Elpidio 12,
Loreto 10,
Ciabbino 9.

STATISTICHE GROTTAMMARE:
Serie positiva in corso: 3 risultati utili consecutivi (2 successi interni ed un pareggio esterno), 2 successi di fila (entrambi in casa e senza subire reti)
Vittorie: 7 (0-1 sul campo del Marina alla 1a giornata, 3-1 interno col Loreto alla 3a, 1-0 sempre interno, stavolta col Camerano alla 5a, 2-1 interno con la Biagio Nazzaro alla 7a, 2-3 sul campo dell’Atletico Gallo Colbordolo alla 10a, 1-0 interno col Ciabbino alla 13a e 2-0 sempre interno, stavolta con l’Ilario Lorenzini Barbara alla 14a)
Pareggi: 3 (tutti esterni: 1-1 sul campo della Pergolese alla 4a giornata, altro 1-1 stavolta a Porto Sant’Elpidio [Fermo] all’8a ed ancora un 1-1, stavolta a Fossombrone alla 12a)
Sconfitte: 4 (0-1 interno col Montegiorgio alla 1a giornata, 3-1 sul campo del Porto d’Ascoli alla 6a, 0-2 interno con l’Urbania alla 9a ed 1-2 interno col Tolentino all’11a)
Gol fatti: 18 (10 in casa ed 8 in trasferta) con 8 diversi marcatori: Andrea Carminucci (1), Ivan D’Angelo (2), De Cesare (1), Michele Ioele (1), Iovannisci (5), Ludovisi (5), Alessio Palladini (1) e Davide Traini (2).
Gol subiti: 15 (7 in casa ed 8 fuori). Non subisce reti da 2 gare consecutive (208 minuti complessivi)
Differenza reti: + 3 (18-15)
Capocannonieri: Gianmarco Iovannisci e Dario Ludovisi con 5 gol a testa.
Punti interni: 15 (su 8 gare casalinghe) frutto di 5 successi e 3 ko interni.
Punti esterni: 9 (su 6 gare in trasferta), frutto di 2 successi, 3 pareggi esterni ed un ko
Espulsioni (di giocatori): 6 (Ludovisi per doppia ammonizione alla 2a giornata, Andrea Cameli anch’egli per doppia ammonizione alla 6a, Daniele Valentini per gioco falloso all’8a, Di Antonio per doppia ammonizione alla 9a, Davide Traini per doppia ammonizione alla 10a e Iovannisci per fallo di reazione alla 14a)
Ammonizioni: 36.
Media inglese: -6.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 504 volte, 1 oggi)