SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ una vera e propria stangata quella decisa dal giudice sportivo nei confronti della Samb dopo la partita di sabato scorso, pareggiata 1 a 1 contro il Pordenone e con parecchi strascichi, sul campo e in sala stampa, soprattutto rivolti all’operato del direttore di gara Matteo Marchetti.

La società si becca 2000 euro di multa per non aver impedito l’ingresso in campo di una persona non identificata (ma riconducibile alla società specifica la sentenza) che avrebbe insultato l’arbitro e per un fumogeno acceso e lanciato nel recinto di gioco dai tifosi di casa.

Punito abbastanza pesantemente anche il Dg rossoblu Andrea Gianni che oltre a dover pagare una multa di 500 euro resterà inibito per quasi due mesi, fino al 30 gennaio prossimo. Il motivo non è riconducibile soltanto all’allontanamento del dirigente ma anche alla circostanza che vuole lo stesso Gianni rientrare in campo dopo l’espulsione per offendere il direttore di gara. Si prende un’ammonizione anche il ds Panfili mentre Di Massimo prende le canoniche due giornate dopo il rosso preso per proteste a seguito del rigore negatogli al 90′. Allo stop del calciatore abruzzese si aggiunge anche quello, per la gara di Bergamo contro l’Albinoleffe, di Armin Bacinovic, che era sotto diffida ed è stato ammonito durante la gara coi ramarri.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.209 volte, 2 oggi)