TORTORETO – Dà ospitalità a un amico in difficoltà e senza dimora, ma, invece di ricevere riconoscenza per il bel gesto, inizia a subire continui maltrattamenti, offese e minacce di morte. Una scelta che si è rivelata ben presto sbagliata, quella fatta da un uomo di Tortoreto che ha deciso, lo scorso luglio, di ospitare un 42enne (sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di firma nella locale caserma perchè ritenuto colpevole nel 2016 del reato di lesioni personali). L’uomo, nullafacente, infatti, ha iniziato subito a maltrattare il padrone di casa per ottenere piccole somme di denaro e, quando non riusciva nell’intento, partivano offese e minacce di morte. Una vita di inferno che ha spinto quindi la vittima a recarsi nella caserma dei carabinieri di Tortoreto per raccontare quanto accaduto. Così, i militari, diretti dal maresciallo, Giuseppe Tarantino, nella giornata di ieri, hanno notificato a Stefano Melis, già in carcere dallo scorso 26 novembre a seguito di un altro provvedimento, un nuovo ordine di carcerazione. Il 42enne dovrà ora rispondere anche di maltrattamenti in famiglia ed estorsione aggravata.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 180 volte, 1 oggi)