TERAMO – Sono 117 in totale i mezzi impegnati per il Piano neve nel Teramano. 63 sono quelli garantiti da ditte private già contrattualizzate.

Sette le turbine a disposizione, 4 sono dell’ente e fra queste quella donata dalla Banca di Credito Cooperativo di Castiglione e Pianella. Il territorio provinciale è stato diviso in 24 comprensori e vede impegnati sia personale della Provincia che quello delle ditte private per una spesa complessiva presunta di 340 mila euro.

Su tutti mezzi impegnati sono istallati i GPS che consentono il controllo e il monitoraggio delle attività dalla sala operativa di via Capuani. Duecentoquaranta le tonnellate di sale acquistate; per lo spargimento sono state contrattualizzate delle ditte specializzate. Le turbine sono collocate:

a Prati di Tivo;

sulla provinciale 491;

sulla provinciale 365;

zona Mavone;

sulla provinciale 48 (strada del Ceppo);

zona Val Fino;

a Montorio.

“Abbiamo avviato le procedure con il Ministero delle telecomunicazioni per l’installazione di ponti radio a disposizione della Provincia, possono essere molto utili in caso di interruzioni delle comunicazioni digitali e telefoniche o in aree senza campo– dichiara il consigliere delegato alla viabilità, Mauro Scarpantonio – sul piano organizzativo ci sarà un maggior coordinamento con gli altri enti e con i Comuni e a questo scopo si sono già svolte alcune riunioni in Prefettura”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 103 volte, 1 oggi)