SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tutto è possibile fino a prova contraria. Su tutto, però, si può dubitare. Fino a prova contraria, sempre.

Così a vedere l’esile cancello che costeggia la case che si affacciano in viale Trissino, a Vicenza, avanziamo qualche dubbio sul fatto che Luca Fanesi, il tifoso sambenedettese ricoverato dal 5 novembre al San Bortolo, possa essersi provocato ben quattro fratture sulla testa scivolando sull’asfalto e cadendo contro il cancello.

1 – Frattura a decorso longitudinale della mastoide di destra

2 – Frattura peritura lamboidea di destra estesa alla squama dell’occipitale

3 IN- Frattura della squama del temporale di destra

4 – Frattura delle ali dello sfenoide di destra e della parete laterale destra del seno sferoidale”.

 

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.462 volte, 1 oggi)