Servizio e riprese di Giuseppe Buscemi. Montaggio a cura di Alessandro Foschi

MONTEPRANDONE – Una scuola unica, nel panorama nazionale dei cultori di questa che si può definire “arte” ad ogni effetto. Una scuola che è aperta tutto l’anno e che è a disposizione di chiunque voglia imparare a realizzare un presepio artistico.
E magari dopo aver visitato e conosciuto, almeno una volta, quella pittoresca strada del centro storico di Napoli intitolata a San Gregorio Armeno, un luogo che può essere considerato la fonte primaria – per ambienti, materiali ed ispirazione artistica – per chiunque si voglia dedicare a quest’arte. Come infatti ogni anno, la prima domenica di novembre, fa “Segui la Cometa” che porta lì quasi duecento visitatori.

E dunque – in vista del Natale 2017 – siamo andati a vedere cos’è questa Accademia. Partendo ad esempio dagli allievi più promettenti, che stanno ultimando i loro presepi di ambientazione popolare, cioè legata al nostro territorio; oppure storica, legata atta tradizione evangelica e agli ambienti della Terra Santa.

Tutte opere estremamente accurate, intense e ricche di simboli e riferimenti. Un’accademia organizzata e diretta dal maestro Giovanni Rosati, in arte Rosart, che fra l’altro ha quasi ultimato il presepe che esporrà alla Mostra di Palazzo Parissi a Monteprandone per la prossima tradizionale rassegna che si svolgerà dall’8 dicembre al 7 gennaio 2018.
Mentre intanto domenica 26 novembre, in occasione della festività dedicata a San Giacomo della Marca, sarà aperta una Mostra retrospettiva delle opere realizzare ed esposte negli anni precedenti.

Un presepe particolare, quello di Rosart, che certamente desterà curiosità e domande fra i visitatori, perché è ambientato a Venezia. In questo servizio web-tv lo stesso Rosati ce ne spiega le ragioni.
E poi a marzo 2018 Monteprandone ospiterà un Corso nazionale per presepisti con l’intervento dei più noti maestri presepisti italiani che testimonieranno l’importanza di questa presenza e testimonianza qui a Monteprandone. E da qui verso tutti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 407 volte, 1 oggi)