GROTTAMMARE – L’associazione “Insieme per Riccardo” ha fornito aggiornamenti sulle ricerche genetiche effettuate sul piccolo affetto da una malattia genetica molto rara, chiamata Amaurosi congenita di Leber.

Come già spiegato in altre occasioni, si tratta di una malattia genetica degenerativa, che colpisce la retina.

Il gene di cui Riccardo è affetto è il cep 290. Fortunatamente questo gene è già allo studio da parte di ricercatori di fama mondiale, per cui a breve inizierà lo studio sperimentale sull’uomo.

Grazie alla scoperta sul test effettuato in Australia al quale si è sottoposto Riccardo è stata evidenziata una nuova variante del cep 290 e il dottor Rob W.J. Collin, massimo esperto, si è interessato alla studio della stessa.

“Poche righe, poche parole, ma che per Riccardo danno grandi speranze – affermano i familiari, fondatori dell’associazione – Grazie alla vostra costante solidarietà e sostegno. La strada intrapresa è ardua, ma insieme è tutto piu’ bello”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.621 volte, 1 oggi)