MARTINSICURO – Nel consiglio comunale di lunedì scorso, con i soli voti della maggioranza, è stata approvata la delibera che stabilisce i criteri e le modalità di applicazione della legge regionale n. 40, norma che contiene “Disposizioni per il recupero del patrimonio edilizio esistente” nota come legge sugli scantinati abitabili, in quanto prevede per vani accessori il cambio di destinazione d’uso.
I consiglieri di minoranza avevano, in sede di consiglio, espresso voto contrario ed ora hanno diffuso una nota ufficiale per spiegarne le ragioni.

“Stabilito che ad oggi ancora non si riesce ad avere notizia su che fine abbia fatto la nomina della commissione urbanistica, acclarato che non è stata preventivamente convocata la Commissione Governo del Territorio come prassi e buon senso avrebbero suggerito, in questa sede, infatti, anche gli altri consiglieri di maggioranza avrebbero potuto avere delle delucidazioni,  si è ritenuto di portare un punto così delicato che potrebbe oggettivamente avere ripercussioni negative su un territorio in cui, da sempre, la presenza di un numero di piccole unità residenziali superiore al necessario è stato motivo del proliferare di situazioni borderline.
Il punto 3 del paragrafo è quello che riteniamo non in linea con le reali necessità del territorio. In questo si legge: I locali recuperati potranno essere annessi ad unità immobiliari esistenti per farne parte integrante e costituirne ampliamento, (e fino a qui si potrebbe anche essere d’accordo) oppure potranno costituire unità immobiliari autonome nelle dimensioni minime previste dai vigenti regolamenti statali. Questo aspetto è in contrasto con il regolamento edilizio comunale in quanto autorizzativo di unità abitative di 28 metri quadri oltre che essere in contrasto con il buon senso. Va ricordato che i Comuni, oltre ad avere la facoltà di non recepire la Legge, così come hanno fatto altri Comuni della costa con voto di Consiglio unanime dopo attenta valutazione, possono decidere tranquillamente di applicare condizioni più restrittive rispetto a quanto in essa previsto, dato che ogni territorio ha le sue peculiarità, forse a qualcuno sfugge che Martinsicuro è tra due fiumi ed è sul livello del mare.

Che poi la stessa sia stata impugnata dal Governo alla Corte Costituzionale avrebbe dovuto far venire qualche dubbio sull’opportunità di recepirla ma a quanto pare questi aspetti non sono stati tenuti in considerazione dalla delegata all’urbanistica e dall’intera maggioranza.
Nascondersi dietro al sempre verde concetto di consumo minimo del suolo in questo caso è davvero improprio, in primo luogo perché comunque determinati interventi creerebbero dei disagi già solo per il semplice fatto che poi gli standard urbanistici verrebbero stravolti e in secondo luogo perché è il caso che in via prioritaria a questo concetto si anteponga quello di “sicurezza dei cittadini”, a quanto pare i recenti eventi di Livorno dove in seguito a una alluvione le uniche vittime si sono avute in un nucleo familiare che abitava sotto il livello della strada non ha insegnato molto.

Ragionandoci per tempo magari si potevano apportare delle modifiche condivisibili. Così come è stata portata in approvazione, noi abbiamo votato contro. Il voto di astensione del rappresentante dei 5 Stelle, ma soprattutto quello dei consiglieri del PD che in passato si sono sempre dichiarati contro una edilizia fatta di unità abitative di dimensioni ridotte ci lasciano perplessi, ma tant’è.

Questo è uno dei primi atti della nuova maggioranza, composta da diversi tecnici in materia edilizia e operatori che operano nello stesso settore e poteva essere prevedibile che avrebbero cercato di spingere in questo ambito, quello che si sperava era che non lo si facesse, come molte volte negli anni che hanno preceduto la nostra amministrazione, a discapito del buon sviluppo della città”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 534 volte, 1 oggi)