SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è riunito sabato 4 novembre presso piazza Giorgini, un gruppo di persone diversamente abili e non, allo scopo di manifestare insieme per un’ora, rispondendo all’appello nazionale intitolato Liberi di Fare”. Numerosi eventi sincronizzati si sono svolti in molte città d’Italia nei giorni 3-4-5 novembre dalle ore 15 alle 16.

Liberi di Fare è una rete di persone nata sui social, autogestita e autofinanziata, che ha intenzione di far conoscere e informare sui temi riguardanti la diversa abilità. Azioni semplici come lavarsi, cucinare, vestirsi, spostarsi non sono alla portata di tutti, tanto che alcune persone sono costrette a condizioni di vita umilianti senza potersi permettere l’assistenza. Alcuni vivono come se fossero agli arresti domiciliari.

Erano presenti alla manifestazione di San Benedetto del Tronto, Antonia Paolini, vicepresidente della Consulta per la disabilità di Grottammare, Elisabetta Schiavone, consigliere AISM vicepresidente della Consulta per la Disabilità di San Benedetto del Tronto, Iole Egidi componente della FISA; Gioconda Polidori, Chiara di Palo e Cesare Balestra del Comitato Direttivo della Consulta per la Disabilità di Grottammare; Alessandra Manigrasso consigliere comunale di Grottammare.

La piazza si è immediatamente popolata, creando così un momento di coscienza, informazione, di calore e di socializzazione.

“Mi aguro di assistere ad altri eventi come questo – dichiara la referente Marina Franza – e che questa iniziativa serva a dare coraggio e voce a quelle persone che si sentono abbandonate; cosa non più ammissibile in uno Stato democratico. Liberi Di Fare è in linea con l’Articolo 3 della Costituzione, che garantisce pari dignità sociale a tutti i cittadini, senza alcuna distinzione.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 173 volte, 1 oggi)